Libri, Libretti, Libracci
  • A caso

    Beastly – Alex Flinn

    BeastlyTitolo: Beastly
    Autore: Alex Flinn
    Pagine: 384
    Editore: Rizzoli
    Pubblicato: Giugno 2010
    Rilegato: 9,90 €

    ALEX FLINN Laureata all’Università di Miami ha esercitato nel campo della giurisprudenza per 10 anni, anche se il suo desiderio fin da bambina era di diventare una scrittrice. Infatti si ritirò dalla professione e si dedicò completamente alla scrittura, dando alla luce il suo terzo libro (i precedenti due erano stati Breathing Underwater e Diva). Molti tra i suoi sette romanzi sono stati nominati nella lista della American Library Association come miglior libro per young adults. Una curiosità: i libri di Alex Flinn sembrano piacere molto a lettori e lettrici che non amano molto leggere, tanto che molti dei suoi libri sono stati nominati per il premio dedicato ai lettori “recalcitranti” (Quick Picks for Reclutant Young Adults Readers). Beastly è il suo sesto libro, da cui è stato tratto un film, in uscita nel 2011.

    TRAMA Kyle Kingsbury è ricco, bello e popolare. A scuola è considerato quasi un dio, è abituato a prendersi gioco di tutti e quando arriva Kendra, una ragazza bruttina ed emarginata, decide di farle un terribile scherzo. Non può sapere che lei, una strega sotto mentite spoglie, lo maledirà per la sua cattiveria, tramutandolo in una bestia. Orribilmente deturpato, Kyle è costretto a vivere isolato nell’appartamento-prigione in cui il padre, un noto personaggio televisivo, l’ha confinato per nasconderlo. A fargli compagnia solo Magda, la governante, e Will, un insegnante privato. Due anni: questo il tempo che Kyle ha per spezzare l’incantesimo, e l’unico modo è innamorarsi ed essere riamato. Altrimenti rimarrà così per sempre. Dopo un anno di solitudine e fallimenti, Kyle comincia a cambiare, non è più il ragazzo prepotente, viziato, materialista di una volta e, quando ormai ogni speranza sembra perduta, un ladro, sorpreso in casa e disposto a tutto pur di passarla liscia, gli consegna la figlia, Linda, in cambio del suo silenzio. La ragazza è l’ultima possibilità per Kyle di rompere l’incantesimo prima che scada il tempo.
     

    «Due petali, due anni per trovare una persona che guarderà al di là della tua repellenza e saprà vedere qualcosa di buono in te, qualcosa da amare. Se ricambierai il suo amore e se lei ti bacerà per dimostrarlo, l’incantesimo sarà rotto e tu ritornerai a essere bello. Altrimenti resterai per sempre una bestia»
     

    Ho iniziato questo libro perché ero proprio curiosa di leggere se era tanto bello, almeno quanto il film e così è stato, anzi! Devo dire che mi è piaciuto molto di più del film e mi ha trasmesso tante emozioni durante la lettura…come capita spesso, il libro l’ho apprezzato più del film e in particolare mi è piaciuto il fatto che è raccontato dal punto di vista della Bestia.
    Se da un lato mi sarebbe piaciuto conoscere il punto di vista di Lindy, dall’altro ho trovato interessante vedere l’evoluzione di Kyle, con annessi commenti personali, che pian piano cambia tanto da non voler più riconoscere negli ultimi capitoli, il Kyle della prima pagina come sé stesso. Cambia nome, cambia modo di fare, di vedere il mondo e ogni suo comportamento…è un personaggio che matura, che evolve, e che in generale ho trovato completo, profondo e ben costruito.
    Lindy invece appare e scompare e la conosciamo attraverso gli occhi di Kyle, quindi in un certo senso per quanto resti uguale dall’inizio alla fine e coerente con sé stessa, la vediamo in modi diversi all’evolversi del protagonista. Dolce e al contempo testarda e decisa, è una ragazza piena di sorprese, una studentessa modello, determinata a cambiare il proprio ruolo nel mondo. Verga avrebbe stroncato ogni sua aspettativa, ma per fortuna siamo in un romanzo di Alex Flinn e l’autrice non solo dà a Kyle una seconda occasione, ma rende il mondo di Lindy migliore grazie proprio all’entrata in gioco della Bestia nella sua vita.
    Quello che ho amato di più in questo romanzo, è la sua originalità nel raccontare una fiaba trita e ritrita, quella de La bella e la bestia, raccontata ormai in tutte le salse. La non banalità di Beastly sta anzitutto nel fatto che, come già ho detto, è la Bestia a raccontarci l’intera vicenda, protagonista assoluta. Poi naturalmente c’è il fattore romanticismo che è rilegato alla fine, dopo che abbiamo avuto occasione di conoscere Kyle e di vedere la sua trasformazione, la sua speranza e infine la sua rassegnazione al proprio destino. Solo dopo tutto ciò entra in gioco Lindy, la bella.
    Un altro fattore interessante e innovativo è l’introduzione di alcuni dialoghi su una chat online tra la Bestia e altre “bestie” delle favole tra cui per esempio il ranocchio de La principessa e il Ranocchio, oppure la Sirenetta..insomma, abbiamo una visione anche su altri personaggi di favole in cui avviene una trasformazione per svariati motivi. Ad alcuni ho letto che non è piaciuto, perché inframmezzava la storia, a me invece ha fatto sorridere e ho trovato interessante avere una finestra aperta anche sui protagonisti di altre fiabe che amavo quando ero più piccola.
    Infine, quando si arriva alla parte romantica, è un susseguirsi di sospiri perché l’amore non è immediato, inizialmente lui cerca qualcuno da amare e lei si sente solo una prigioniera. L’amore si fa avanti piano piano fra i due, facendo breccia nei loro cuori ed esplodendo alla fine in un tripudio di cuoricini volanti grazie all’eroico gesto di Kyle…ok, vi sto spoilerando tutto ma…è stata una fine davvero sorprendente, che non mi aspettavo, affatto! Perse ormai le speranze, i due si ricongiungono con lui che sembra superman…
    Il finale, infatti, assomiglia molto al “..e vissero per sempre felici e contenti.” tipico delle favole, forse un po’ troppo semplice e prevedibile, ma dopo tutto quello che ha passato questo povero ragazzo direi che è il minimo sindacabile! Ad ogni modo, c’è un punto a sfavore, ed è il modo in cui i due innamorati dicono addio alla strega Kendranon so perché ma mi è sembrata una nota stonata in un’armoniosa melodia! ç_ç In generale, dopo che Kyle torna ad essere normale, il romanzo perde il suo perchè e questo non mi è piaciuto. Come quando si finisce una corsa e ci si rilassa…come se l’autrice avesse perso interesse dopo la trasformazione del protagonista e si fosse lasciata trasportare dalla penna giusto per scrivere una fine e chiudere la storia. Non so, forse io sono un po’ tropo critica, ma mi ha fatto storcere il naso questo cambio di stile! ><’’
    Ma eccoci arrivati alla parte più difficile di una recensione, che voto dare a questo retelling moderno? Onestamente sarei per un 5/5, ma la fine è sembrata un po’ troppo contrastante con l’intero romanzo, come se l’autrice non vedesse l’ora di mettere la parola fine…direi quindi che un voto meno è d’obbligo, perché la fine di un romanzo è abbasanza importante. La mia valutazione per Beastly, di Alex Flinn, è di 4 cuoricini su 5! U_U
    heart292_thumb7_thumb_thumb_thumb6_t heart292_thumb7_thumb_thumb_thumb1_t[1] heart292_thumb7_thumb_thumb_thumb2_t heart292_thumb7_thumb_thumb_thumb2_t

    Consiglierei questo libro… a chi ama i retelling ed anche a chi adora le storie d’amore e la favola de La bella e la bestia in generale…stupendo! *-* 
     
    CURIOSITÁ

    Come già accennato, ne è stato tratto un film che a me piace molto, anche se forse Kyle, in questo caso, è comunque un gran figo quando diventa Bestia, anzi..mi piace più che in versione belloccio! U_U 
    Qui il Trailer per incuriosirvi ancora un po’…Buona visione! ^^


     
    – Franci

  • Potrebbero anche interessarti

    2 Commento

  • Rispondi Anonimo 15 Marzo 2016 at 11:40

    Ciao Francesca!!!
    Ricordo che avevo letto questo libro anni fa e mi era piaciuto!
    Il film invece mi aveva un po' deluso

    • Rispondi Francesca Verde 15 Marzo 2016 at 13:52

      A me piaciono entrambi, in modo diverso però…il film è più basato sulla storia d'amore, lui che vuole conquistarla in ogni modo; il libro è più incentrato sulla "psicologia" della bestia, sull'evolvere della sua visione del mondo..il libro è più profondo e complesso sotto questo punto di vista! 🙂

    Lascia un commento