Libri, Libretti, Libracci
  • A caso

    Blogtour “Il segreto di Parigi” – Karen Swan | Recensione

    Buongiorno Readers! Come sempre nel weekend sparisco e mi perdo, non riesco mai a scrivere nulla, ma vi penso molto e questa volta ho letto Il segreto di Parigi, di Karen Swan, uno splendido romanzo che mi ha molto appassionata, soprattutto mi ha sorpresa con il suo fascino e la sua particolare storia ispirata da un fatto reale, tra la bellezza dell’Arte con la A maiuscola e i drammi di un passato risvegliati all’improvviso. Una lettura che ha ispirato un blogtour di cui la mia recensione Γ¨ solo la settimana tappa e se ve le siete perse, vi consiglio di dare un’occhiata alle altre per scoprire tutti i segreti di questo romanzo attraverso dei contenuti davvero incredibili! πŸ˜‰

    Il fatto storico dietro al libroLa Stamberga d’inchiostro
    Incipit Il colore dei libri
    AmbientazioneRachel Sandman Author
    I personaggi Il libro sulla finestra
    Estratti Diario di un Sogno

    Ed ora, ecco la mia recensione, preceduta dalla scheda libro dove troverete tutte le informazioni sul romanzo e sull’autrice, che ammetto non conoscevo, ma che ha appena conquistato una nuova fan! ^^

    Titolo: Il segreto di Parigi
    Autore: Karen Swan
    Editore: Newton Compton
    Data di uscita: 29 Giugno 2017
    Pagine: 384
    Rilegato: 10.00 €

    KAREN SWAN Ha iniziato la carriera di giornalista di moda, prima di rinunciare a tutto per prendersi cura dei suoi tre figli e realizzare il sogno di diventare una scrittrice. La casa in cui vive si affaccia sulle splendide scogliere del Sussex. Con la Newton Compton ha pubblicato i bestseller Un diamante da Tiffany, Un regalo perfetto, Shopping da Prada e appuntamento da Tiffany, Quell’estate senza te, Natale a Londra con amore, Quell’estate da Tiffany, Natale sotto la neve e Natale a Notting Hill. Ha partecipato al prestigioso Festival Internazionale di Roma – Letterature. Per saperne di piΓΉ visitate il sito karenswan.com

    TRAMA Da qualche parte, lungo le strade di Parigi, c’è un appartamento sommerso da strati di polvere e segreti: Γ¨ stracolmo di opere d’arte d’inestimabile valore che sono rimaste lΓ¬, nascoste per decenni. L’incarico di valutare quei tesori Γ¨ affidato a Flora, giovane e ambiziosa esperta d’arte, una donna in grado di mantenere il controllo durante un’asta da milioni di sterline, ma con serie difficoltΓ  ad accettare un invito a cena a lume di candela. Flora ha il compito di ricostruire la storia di ogni dipinto presente nell’appartamento, per cercare di scoprire chi abbia tenuto nascoste quelle opere d’arte. Si ritrova cosΓ¬ catapultata negli affari dei Vermeil, una famiglia del jet set internazionale che si muove tra Parigi e Antibes, e si rende ben presto conto di avere a che fare con qualcosa di poco chiaro. Xavier Vermeil sembra infatti intenzionato a porre un freno all’interesse di Flora per la sua famiglia. Che cosa nasconde?

    La lettura di questo romanzo mi ha molto appassionata, sono stata travolta dallo stile dell’autrice in un batter d’occhio, tra atmosfere da sogno e colpi di scena sempre piΓΉ incredibili. Oltre all’intrigante mistero, lo sfondo de la Ville Lumiere ha dato un forte contributo al fascino di questa storia, reso ancora piΓΉ ammaliante dall’ispirazione dell’autrice arrivata da un fatto storico.

    Ho adorato l’incredibile capacitΓ  dell’autrice di rendere perfettamente l’idea delle ambientazioni, scendendo anche fin troppo nel dettaglio, ma trovando sempre il modo piΓΉ originale e accattivante di descrivere i luoghi, gli oggetti e in particolar modo le opere d’arte.
    Perno di questo libro Γ¨ infatti la passione per la pittura, per la storia delle belle arti e per il fascino del mondo artistico in generale, tra storie senza tempo e pennellate da mozzare il fiato.

    L’unica difficoltΓ  Γ¨ stata farmi piacere Flora, la protagonista, una ragazza completamente dedita al suo lavoro ma dal caratterino abbastanza snob, di cui perΓ² ho potuto subito apprezzare la sicurezza che l’hanno resa il personaggio perfetto per districarsi attraverso bugie e omissioni, arrivando infine alla piΓΉ impensabile quanto vera delle soluzioni. Probabilmente la narrazione in terza persona non ha aiutato ad entrare subito in sintonia con il personaggio, ma pian piano ho iniziato a comprendere i suoi modi di fare e le sue reazioni, cosΓ¬ come le sue emozioni.

    Una storia legata al passato, che sconvolge ogni aspetto della situazione iniziale in cui conosciamo i proprietari dell’appartamento, e la stessa Flora, in un turbine di colpi di scena che portano con sΓ© veritΓ  oscure e ricordi da cancellare, ma che vengono alleggeriti da momenti frivoli e leggeri, grazie all’amica Ines e agli improbabili scontri e incontri con i due giovani Vermeil.

    Al fianco di un’indagine storica e di una caccia al tesoro quasi impossibile, c’Γ¨ infatti il lato sentimentale della storia. A volte prevedibile, a volte da palpitazioni, la vita amorosa di Flora sembra quasi essere inesistente, fatta di fugaci appuntamenti e notti di pura passione, ma fin dalle prime pagine ho avuto il presentimento che l’autrice avesse in serbo per la ragazza l’amore che non ha mai provato, un innamoramento perΓ² che non sembra mai arrivare e spesso mi sono chiesta se non fosse in realtΓ  tutta una mia fissazione, ma sul finale il mio psyco-fiuto-romantico ha avuto la certezza e ammetto di aver sorriso come una scema e sperato nel fatidico lieto fine..un dolce epilogo sudato e travagliato che Γ¨ perΓ² arrivato come un arcobaleno dopo la tempesta.

    Da un inizio un po’ banale, a un finale decisamente inaspettato e sconvolgente che ha ribaltato ogni mia impressione sul mistero dell’appartamento e dei tesori ritrovati, ma che ho trovato perfetto per far coincidere non solo tutti i dubbi e gli intrecci creatisi nel corso delle pagine, ma anche per finire al meglio una montagna russa di emozioni e scottanti rivelazioni che mi hanno tenuta sulle spine per piΓΉ di trecentocinquanta pagine.

    Avendo studiato al liceo artistico ed avendo la stessa passione della protagonista sono rimasta piΓΉ coinvolta del previsto in questo splendido libro, che spazia tra il romance e l’investigativo, con momenti piΓΉ drammatici e altri piΓΉ leggeri in un continuo sali e scendi di emozioni che mi hanno completamente rapita, e piacevolmente sorpresa. La mia valutazione non puΓ² quindi essere altro che un 5/5 per un libro che mi ha tanto appassionata, e un’autrice capace di travolgere con lo scorrere delle sue parole in un turbine di sensazioni tanto vivide e intriganti.

    Consiglierei questo libro… a chi Γ¨ in cerca di una lettura scorrevole e frizzante, che cela tra le pagine un appassionante mistero, condito dalla Storia e dal fascino dell’arte in goni sua sfumatura.




    SarΓ  che l’arte suscita sempre in me un forte entusiasmo, ma ho davvero amato questa lettura e soprattutto ho adorato scoprire i segreti di questa lettura nel corso del blogtour..decisamente un libro che consiglio di portare in valigia! πŸ˜‰

  • Potrebbero anche interessarti

    1 Commento

  • Rispondi Toglietemi tutto, ma non i miei libri 10 Luglio 2017 at 16:48

    io sono a un terzo del libro e concordo sull'abilitΓ  dell'autrice di delineare perfettamente l'ambientazione.
    Spero di rimanere soddisfatta come te da questo libro πŸ™‚

  • Lascia un commento