Libri, Libretti, Libracci
  • A caso

    Teaser Tuesday #95 | Alice nel paese delle meraviglie

    Buon pomeriggio Lettori! Ultimamente non riesco a scrivere sul blog quanto vorrei, ho ripreso a studiare per gli esami di settembre ed è abbastanza traumatico, ma come sempre il martedì non posso proprio saltare il Teaser Tuesday e oggi vi propongo un estratto da Alice nel paese delle meraviglie, il celebre romanzo di Lewis Carroll che per tanto tempo ho evitato come la peste, ma che sto trovando..interessante? Non saprei, per certi versi è assolutamente assurdo che non riesco ad averne una chiara opinione, non so se sia più divertente o irritante..lascio giudicare voi!

    «…No, ho deciso; se sono Mabel, preferisco restare qui! Potranno infilar dentro la testa quando vogliono, e dirmi: “Torna su, piccola cara!”. Io mi limiterò a guardare e a rispondere: “Allora chi sono? Prima ditemelo, e poi, se mi piacerà essere quella persona tornerò su; altrimenti, resterò qui finché diventerò qualcun altro”… Ma, oh, povera me!», esclamò Alice, scoppiando improvvisamente a piangere, «quanto vorrei che infilassero davvero dentro la testa! Sono troppo stanca di starmene qui da sola!».
    Così dicendo, si guardò le mani, e fu stupita di vedere che, mentre parlava, aveva infilato uno dei guantini bianchi del Coniglio. “Come ho fatto a infilarlo?”, pensò. “Probabilmente sto rimpicciolendo di nuovo”. Si alzò e si avvicinò al tavolo per misurarsi e scoprì che, a giudicare da quel che vedeva, doveva essere alta circa mezzo metro, e si stava ritirando velocemente: scoprì ben presto che la causa di tutto ciò era il ventaglio che teneva in mano, e allora lo lasciò subito cadere, appena in tempo per evitare di scomparire del tutto.
    «Mi sono salvata giusto in tempo!» pensò Alice, spaventatissima da quel cambiamento improvviso, ma anche assai contenta di scoprire che esisteva ancora. «E adesso alla conquista del giardino!». E corse più veloce che poteva verso la porticina; ma, ahimè!, la porticina era di nuovo chiusa, e la chiave dorata era sul tavolo di vetro, proprio come prima, “e le cose vanno sempre peggio”, penso la povera bambina, “perchè non sono mai diventata così piccola, mai! E vi assicuro che è proprio brutto!”.
    Mentre pronunciava queste parole le scivolò un piede e in un attimo, plonf!, si ritrovò nell’acqua salata, che le arrivava fino al mento. La sua prima idea fu quella di essere caduta in mare, «e in tal caso posso sempre tornare con il treno», si disse (Alice era andata al mare una sola volta in vita sua, ed era giunta alla conclusione che, ovunque si vada sulle coste dell’Inghilterra, si vedono in acqua alcune cabine mobili, dei bambini che scavano nella sabbia con palette di legno, una fila di case d’affitto, e dietro la stazione ferroviaria.) Tuttavia, scoprì ben presto che quello era un lago, il lago delle lacrime versate quando era alta tre metri.
    «Vorrei proprio non aver pianto così tanto!», disse Alice, mentre nuotava alla ricerca di un punto per risalire. «Adesso riceverò la mia punizione, magari affogando nelle mie stesse lacrime! Sarà una cosa davvero strana! Ma oggi è tutto strano».

    Una lettura che sto leggendo a spizzichi e bocconi proprio perchè ho bisogno di “digerire” ogni parte prima di passare alla successiva assurdità di turno, ma devo dire che grazie alle note a piè di pagina riesco ad orientarmi meglio riuscendo ad apprezzare un po’ di più questa storia tanto fuori dalla mia comfort zone…voi lo avete mai letto? Io ci ho messo un po’ a convincermene, mi mancano una manciata di pagine e ancora non mi è chiaro il senso di tutto ciò, ma dicono sia un libro da leggere almeno una volta nella vita..! ^^’

  • Potrebbero anche interessarti

    2 Commento

  • Rispondi Anonimo 1 Agosto 2017 at 17:59

    L'ho finito di leggere pochissimi giorni fa. Però non ne sono rimasta molto colpita. L'ennesima dimostrazione che io ed i classici non andiamo d'accordo

    • Rispondi Francesca Verde 2 Agosto 2017 at 13:15

      Personalmente ho un ottimo rapporto con i classici, ma con Alice non è proprio scattata la scintilla..sarà che sono una persona estremamente quadrata a volte, ma devo dire che mi ha sorpreso negativamente nonostante non avessi aspettative..!

    Lascia un commento