Libri, Libretti, Libracci
  • A caso

    5 cose che… | 5 libri in cui i personaggi hanno nomi strani o impronunciabili

    Buongiorno lettori! Come ogni venerdì torna sul blog la rubrica 5 cose che… e anche oggi parliamo di libri, questa volta di quelli in cui gli autori hanno mostrato scelte particolarmente estrose per quanto riguarda i nomi…ma prima, ecco qualche informazione sulla rubrica! 😉

    Per chi non la conoscesse, è una rubrica ideata dal blog Twins Books Lovers che ha luogo ogni venerdì sui blog librosi e non… Questa rubrica consiste essenzialmente nell’elencare “5 cose” – libri, film, serie tv, personaggi, attori ecc – relative ad un dato argomento scelto dai partecipanti stessi. Per maggiori informazioni o per partecipare potete visitare il post di presentazione QUI. Le iscrizioni sono sempre aperte..forza, forza, forza!! ^-^ 

    L’argomento è infatti 5 libri in cui i personaggi hanno nomi strani o impronunciabili, e più che con la pronuncia, la mia difficoltà è nel ricordare nomi estremamente particolari o nel tenere a mente i personaggi e quindi i loro nomi in caso in cui siano tantissimi…ecco i cinque libri in cui ho avuto davvero grandi difficoltà a tener memoria dei nomi:

    METRO 2033 Dmitry Glukhovsky L’anno è il 2033. Il mondo è ridotto ad un cumulo di macerie. L’umanità è vicina all’estinzione. Le città mezze distrutte sono diventate inagibili a causa delle radiazioni. Al di fuori dei loro confini, si dice, solo deserti e foreste bruciate. I sopravvissuti ancora narrano la passata grandezza dell’umanità. Ma gli ultimi barlumi della civiltà fanno già parte di una memoria lontana, a cavallo tra realtà e mito. Più di vent’anni sono passati dall’ultimo decollo di un aeroplano. I binari ferroviari, abbandonati, portano verso il nulla. L’etere è spento e laddove prima suonavano le frequenze delle maggiori radio mondiali, da Tokyo a New York fino a Buenos Aires, ora regna solo il silenzio.L’uomo è stato sostituito da altre forme di vita, mutate dalle radiazioni e più idonee a vivere nella nuova arida terra. Il tempo dell’uomo è finito.Poche migliaia di esseri umani sopravvivono ignorando il destino degli altri. Vivono nella Metropolitana di Mosca, la più grande del mondo. E’ l’ultimo rifugio dell’umanità. Le stazioni sono diventate dei piccoli stati, la gente riunita sotto idee, religioni, filtri dell’acqua o semplicemente per difendersi. E’ un mondo senza domani, senza spazio per sogni, piani e speranze. I sentimenti hanno lasciato spazio all’istinto di sopravvivenza, ad ogni costo. VDNKh è la stazione più a nord, una volta la più bella e più grande. Oggi la più sicura. Ma oggi una nuova minaccia si affaccia all’orizzonte. Artyom, un giovane abitante di VDNKh, è il prescelto per addentrarsi nel cuore della Metro, fino alla leggendaria Polis, per avvisare tutti dell’imminente pericolo e ottenere aiuto. E’ lui ad avere le chiavi del futuro nelle sue mani, dell’intera Metro e probabilmente dell’intera umanità.


    REBEL Alwyn Hamilton Amani non ha mai avuto dubbi: è sempre stata sicura che prima o poi avrebbe trovato una via di fuga dal deserto spietato e selvaggio in cui è nata. Andarsene è sempre stato nei suoi piani. Quello che invece non si aspettava era di dover fuggire per salvarsi la vita, in compagnia di un ricercato per alto tradimento. Tiratrice infallibile, per guadagnare i soldi necessari a realizzare il suo sogno Amani partecipa infatti a una gara di tiro travestendosi da uomo. Tra gli avversari, il più temibile è Jin, uno straniero sfrontato, misterioso e affascinante. Troppo tardi Amani scoprirà che Jin è un personaggio chiave nella lotta senza quartiere tra il Sultano di Miraji e il figlio in esilio, il Principe Ribelle. Presto i due si troveranno a scappare attraverso un deserto durissimo e meraviglioso, popolato di personaggi e creature stupefacenti: come i bellissimi e pericolosi Buraqi, fatti di sabbia e vento ma destinati a trasformarsi in magnifici destrieri per chi abbia l’ardire di domarli; i giganteschi rapaci Roc; indomite donne guerriere dalla pelle color oro e sacerdoti capaci di leggere i ricordi altrui nell’acqua… Quando Amani e Jin si troveranno di fronte alle rovine di una città annientata da un fuoco di calore innaturale capiranno che la posta in gioco è più alta di quanto pensassero. Amani dovrà decidere se unirsi alla rivoluzione e capire se davvero quello che vuole è lasciarsi alle spalle il suo deserto.


    THE MIDNIGHT SEA Kat Ross Nazafareen vive per la vendetta. È una ragazza dell’isolato clan Four-Legs e tutto ciò che sa dei Water Dog del Re è che legano a sé delle creature malvagie chiamate daeva per proteggere l’impero dai non-morti. Ma quando arrivano degli esploratori per reclutare persone con il dono, afferra al volo l’opportunità di unirsi alle loro file per dare la caccia ai mostri che le hanno ucciso la sorella. Segnata dal dolore, è disposta a pagare ogni prezzo, anche se significa legarsi a un daeva chiamato Darius. Umano solo nell’aspetto, possiede un potere terrificante, controllato da Nazafareen. Ma i bracciali d’oro che li uniscono hanno un indesiderato effetto collaterale. Ciascuno prova le emozioni dell’altro, e l’umana e il daeva cominciano a diventare pericolosamente intimi. Mentre inseguono un nemico mortale lungo l’arida Great Salt Plain fino alla scintillante capitale Persepolae, dissotterrando i segreti del passato di Darius, Nazafareen è costretta a mettere in dubbio la schiavitù dei daeva e la sua stessa lealtà nei confronti dell’impero. Ma con un male antico che si agita al nord e un giovane conquistatore che controlla l’ovest, il destino dell’intera civiltà potrebbe essere in pericolo…


    CARVE THE MARK Veronica Roth In una galassia percorsa da una forza vitale chiamata corrente, ogni uomo possiede un dono, un potere unico e particolare, in grado di influenzarne il futuro. CYRA è la sorella del brutale tiranno che regna sul popolo shotet. Il suo dono, che le conferisce potere provocandole allo stesso tempo dolore, viene utilizzato dal fratello per torturare i nemici. Ma Cyra non è soltanto un’arma nelle mani del tiranno. Lei è molto più di questo. Molto più di quanto lui possa immaginare. AKOS è il figlio di un contadino e di una sacerdotessa-oracolo del pacifico popolo di Thuvhe. Ha un animo generoso e nutre una lealtà assoluta nei confronti della famiglia. Da quando i soldati shotet hanno rapito lui e il fratello, l’unico suo pensiero è di liberarlo e portarlo in salvo, costi quel che costi. Nel momento in cui Akos, grazie al suo dono, entra nel mondo di Cyra, le differenze tra le diverse origini dei due ragazzi si mostrano in tutta la loro evidenza, costringendoli a una scelta drammatica e definitiva: aiutarsi a vicenda a sopravvivere o distruggersi l’un l’altro. 


    LA RAGAZZA DI MEZZANOTTE Melissa Grey Echo ha diciassette anni, è sveglia, indipendente e coraggiosa.
    Da quando, ancora bambina, è scappata di casa, vive di furti e abita nella biblioteca pubblica di New York. Qui ha conosciuto l’Ala, la veggente degli Avicen, una popolazione di uomini-uccello che vive segretamente nel sottosuolo di New York. Da quel momento la sua vita è cambiata: Echo adesso viaggia attraverso il mondo intermedio, è in grado di usare la magia ed è coinvolta nella sanguinosa guerra degli Avicen contro i Drakharin. E proprio a Echo viene affidato il compito di trovare l’uccello di fuoco, la creatura leggendaria che può mettere fine al secolare conflitto. Ma le cose non sempre vanno come ci si aspetta, ed Echo dovrà mettere in discussione tutte le sue certezze.




    Cinque libri che in un modo o nell’altro mi sono molti piaciuti, alcuni sono entrati a far parte dei miei preferiti, ma che fatica ricordarsi tutti quei nomi, assurdi o normali che siano…! The Midnight Sea l’ho appena iniziato a leggere, ma una protagonista con un nome più lungo e complesso non l’avevo ancora incontrata…Nazafareen, per gli amici Nazy?? é_é

    Quali sono i libri che vi hanno mandato in confusione con nomi impronunciabili o milioni di personaggi? 

    Fatemi sapere, aspetto i vostri commenti e nel frattempo vi invito a fare un salto ai post degli altri blog partecipanti, li trovate a questo link..io do subito uno sguardo! 😉

  • Potrebbero anche interessarti

    13 Commento

  • Rispondi CHIARA ROPOLO 24 Novembre 2017 at 09:40

    abbiamo in comune Carve the Mark! Metro 2033 mi incuriosisce tanto, ho comprato la trilogia da poco, parto preparata allora

  • Rispondi Akaiko 24 Novembre 2017 at 10:17

    Più un libro vira al fantasy o alla fantascienza più la possibilità di trovare nomi assurdi o impronunciabili aumenta!

  • Rispondi Simo 24 Novembre 2017 at 11:00

    Metro 2033 e Rebel li ho in libreria ma ancora non è giunto il loro momento; gli altri non li ho letto ma effettivamente i fantasy (come i libri per ragazzi) si prestano ai nomi strani!

  • Rispondi Vivere Tra Le Righe 24 Novembre 2017 at 11:02

    Rebel ce l'ho e non vedo l'aora di iniziarlo! Effettivamente, vista l'ambientazione, i nomi saranno affascinanti ahahah Metro 2033 mi ispira un sacco mentre la ragazza di mezzanotte lo scopro qui e…lo voglio! ahahah

  • Rispondi La lettrice Controcorrente 24 Novembre 2017 at 11:45

    Non ne abbiamo in comune.. io ho avuto poca fantasia 🙂

  • Rispondi Alex Astrid 24 Novembre 2017 at 12:13

    Metro lo conosco perché il mio ragazzo l'ha messo in wishlist… Per il resto non ho letto nessuno dei libri che nomini 😊

  • Rispondi Deb LeggendoRomance 24 Novembre 2017 at 17:36

    Abbiamo in comune The Midnight Sea 🙂

  • Rispondi Giorgia Wilde 24 Novembre 2017 at 18:15

    A parte the midnight sea non ho mai avuto modo di leggere questi libri…Però i nomi sono piuttosto astrusi 😀

  • Rispondi Valentina Bellettini 24 Novembre 2017 at 18:53

    Ciao Franci! Non ho ancora letto nessuno di questi libri, ma The Midnight Sea è in attesa di lettura… con lei con quel nome stranissimo ad aspettarmi: aiuto! XD

  • Rispondi Saji Connor 24 Novembre 2017 at 22:23

    Abbiamo in comune "Carve The Mark"… è stata un'esperienza molto stressante per me incontrare quei nomi… per non parlare della pronuncia!
    Buon weekend!
    xoxo

  • Rispondi Gioia Twin 24 Novembre 2017 at 22:57

    Ciao Francesa!! Nessun libro in comune dato che non ho letto nessun libro! Carve the mark e The midnight sea, però, mi incuriosiscono!!

  • Rispondi Buona lettura 25 Novembre 2017 at 15:15

    Beh, come ho già detto ad altre. Per me ogni nome straniero (tranne il francese) è incomprensibile 🙁
    E quante volte vedendo poi il film ho detto: "Ah, si diceva così"

  • Rispondi Erica Libri al caffè 28 Novembre 2017 at 08:49

    Ho letto solo Rebel e concordo ci sono un bel po' di nomi particolari

  • Lascia un commento