Libri, Libretti, Libracci
  • A caso

    Teaser Tuesday #117 | Magic – Victoria Schwab

    Ciao cari lettori! Questa sera voglio concludere in bellezza con un estratto in occasione del Teaser Tuesday del libro che finirò nelle prossime ore…di cosa sto parlando? Di MAGIC, primo romanzo della serie Shade of Magic di Victoria Schwab, fantasy che sto leggendo con il Rainbow Book Club che sto letteralmente adorando! *-*

    Ma ecco l’estratto, così che possiate farvene un’idea..! 😉

    In teoria, gli abitanti di Londra Bianca conoscevano Kell, o sapevano di lui, e sapevano che era sotto la protezione della corona. E in teoria, nessuno sarebbe stato abbastanza folle da sfidare i gemelli Dane. Ma la fame – di energia, di vita – faceva qualcosa alle persone. Le spingeva a fare qualcosa. 
    E così Kell tenne la guardia alta, osservando il sole al tramonto mentre camminava e sapendo che Londra Bianca era molto più docile alla luce del giorno. Di notte la città cambiava. La quiete – un silenzio innaturale, pesante, come quando si trattiene il respiro – veniva meno e lasciava spazio al rumore, echi di risate, di passione – alcuni credevano fosse un modo per invocare il potere – ma soprattutto di combattimenti e uccisioni. Una città di estremi. Eccitante, forse, ma letale. Le strade sarebbero state macchiate di sangue ormai da tempo, se i tagliagole non l’avessero bevuto tutto.
    Con il sole ancora alto, gli umili e i dannati restavano sulla soglia, passavano il tempo alla finestra e gironzolavano nei vicoli fra i palazzi. E tutti, pelle e ossa e con gli sguardi desolati, osservavano Kell passare. I loro vestiti avevano la stessa, sbiadita qualità del resto della città. E così anche capelli, occhi e pelle, la cui superficie era ricoperta di segni. Marchi e cicatrici, mutilazioni che avevano lo scopo di imprigionare la magia che riuscivano ad avocare ai loro corpi. Più erano deboli, più ferite si procuravano, massacrandosi la carne nel disperato tentativo di tenersi stretto il poco potere che possedevano.


    A Londra Rossa, simili segni sarebbero stati visti come indecenti, poiché, legandola a sé, corrompevano anche la magia, non solo il loro corpo. Lì, solo i più forti potevano sostenere il disprezzo causato da quei marchi, che comunque non erano visti come segno di disonore, bensì di disperazione. Ma anche coloro che si sentivano superiori a quel bisogno di marchiarsi ricorrevano ad amuleti e portafortuna (solo Holland andava in giro senza niente, eccetto lo scalpello che lo aveva marchiato come servitore del trono). La magia non arrivava lì di propria volontà. Il linguaggio degli elementi era stato abbandonato quando avevano smesso di ascoltare (l’unico elemento che poteva essere invocato era un tipo perverso di magia, un miscuglio imbastardito di fuoco e qualcosa di più oscuro, di corrotto). Tutto ciò che la magia avrebbe potuto dare era stato preso, costretto in forma di amuleti, incantesimi e catene. Non era mai abbastanza, non se ne era mai sazi.
    Ma le persone non desistevano.
    Il potere dello Sijlt – nonostante fosse mezzo ghiacciato – le legava alla città, la sua magia era l’ultimo baluginio di calore rimasto.
    E così restavano, e la vita andava avanti. Quelli che non erano (ancora) caduti vittime della consumante fame di magia andavano a lavorare, pensavano ai propri affari e facevano del loro meglio per dimenticare la lentezza con cui il loro mondo stava morendo. Molti si aggrappavano alla convinzione che la magia sarebbe ritornata. Che un governante sufficientemente forte sarebbe stato in grado di riportare il potere a Londra Bianca e rianimarlo.
    E così attendevano.

    L’aspetto più bello di questo libro è proprio l’ambientazione, il mondo in cui l’autrice ci trasporta, immergendoci nelle quattro differenti Londra, una più affascinante e misteriosa dell’altra…ma di questo ho già parlato abbondantemente nel mio post di discussione dei capitoli 2,3 e 4 per il Rainbow Book Club che potete leggere cliccando QUI, e adesso sono curiosa…

    Che ne pensate di questo libro e soprattutto di questa incredibile autrice?

    Sono ansiosa di sapere se lo avete letto o se vi ispira, che idea vi siete fatti e se è nella vostra wishlist…fatemi sapere la vostra opinione e commentate, magari con un estratto del libro che state leggendo oppure con il link al vostro Teaser Tuesday…sono sempre curiosa di sbirciare nelle letture che non conosco! 😉

  • Potrebbero anche interessarti

    6 Commento

  • Rispondi Chiara Baule d'inchiostro 17 Aprile 2018 at 19:40

    Ho preso Magic giusto oggi, sono curiosissima di leggerlo!! *_*

  • Rispondi Juliette 19 Aprile 2018 at 16:48

    Anche a me è piaciuto tanto!La schwab non fa che scrivere libri stupendi *__*

    • Rispondi Francesca Verde 20 Aprile 2018 at 21:55

      Concordo! Di suo ho letto "Questo canto selvaggio" che ho amato…se non arriva presto il sequel in Italia probabilmente lo leggerò in lingua originale! Ha uno stile meraviglioso e scrive storie a dir poco intriganti! *-*

  • Rispondi Little Pigo 22 Aprile 2018 at 18:47

    Non l'ho letto, però molti, come te, lo hanno definito un libro bellissimo. Ci sto facendo un pensierino.

  • Rispondi Francesca Verde 23 Aprile 2018 at 06:50

    Fammi sapere che ne pensi, se lo leggerai…ha un che di affascinante, ma allo stesso tempo è molto semplice! 🙂

  • Lascia un commento