Libri, Libretti, Libracci
  • A caso

    BLOGTOUR (Il Maggio dei Libri) | Libertà d’immaginare

    Buon pomeriggio Readers! Sabato vi ho presentato il blogtour in occasione de il Maggio dei Libri e oggi ho l’onore di dare il via a questo VIAGGIO NELLA LIBERTÁ con un argomento legato al tema scelto, ovvero LETTURA COME LIBERTÁ.

    Appena ho letto la frase tematica cui ispirarsi, ho subito pensato a come personalmente affronto la lettura, a ciò che rappresenta e ha sempre rappresentato per me e non ho potuto far altro che scegliere di parlarvi della lettura come  LIBERTÁ D’IMMAGINARE.


    La lettura è per me non solo uno svago, ma un carburante per la mia immaginazione, per scoprire luoghi impensabili o esistenti, atmosfere uniche che altrimenti non sfiorerei nemmeno con il pensiero, ambientazioni da sogno (o da incubo) e mondi che solo un buon autore può riuscire a descrivere. La lettura è quindi per me libertà d’immaginare, di viaggiare se vogliamo, e la parte di un libro che adoro di più è proprio l’aspetto scenografico, che si tratti di ricostruzione storica o di world building puro, tutto ciò che rappresenta il contorno delle vicende di cui leggo riesce generalmente ad affascinarmi e a trascinarmi grazie ad argute parole in mondi a me ignoti e sconosciuti.

    Per celebrare questo meraviglioso effetto che mi provoca la letteratura di trascinarmi in luoghi e mondi unici, vorrei quindi proporvi cinque libri che brillano d’originalità sotto questo punto di vista, ma che sono anche ottime letture con cui estraniarsi dalla realtà e immergersi in quel folle mondo che può essere la mente di ogni lettore.

    Appartengono tutti al genere fantastico, in diverse sue declinazioni, e sono tutti e cinque libri che accendono la fantasia sotto più punti di vista, soprattutto sono libri dal background intrigante e coinvolgente, plausibile e affascinante al contempo proprio perchè inusuale o perchè creato attraverso un mix di più culture o periodi storici, tradizioni e leggende.

    RED RISING Pierce Brown In un susseguirsi di colpi di scena, il fantascientifico incontra una distopia alla Hunger Games, per poi amalgamarsi con un disfattismo in stile Verga ed evolvere poi in una rivoluzione incandescente che nulla ha da temere di fronte alla Ghiandaia Imitatrice. Una storia che si svincola quasi dal tempo con un protagonista dall’animo di fuoco che grazie al suo temperamento e alle sue gesta ricorda a tratti i grandi condottieri, e i più agguerriti rivoluzionari, richiamando gelide e machiavelliche strategie capaci di stroncare ogni nemico.


    IL DOMINIO DEL FUOCO Sabaa Tahir Parlando di rivoluzioni è impossibile non nominare questo libro che ammalia ed affascina grazie a quell’ambientazione che oscilla tra il medievale e i più rilevanti caratteri dell’Impero Romano, con un accenno a fantasmi e demoni quali Ginn e Ghul che in poche scene terrorizzano e affascinano grazie a quell’aura di mistero e crudelà che li circonda. Ma sono predestinazione e lotta tra bene e male a essere i protagonisti, ricchi contro poveri, padroni contro schiavi in un continuo susseguirsi di scontri da palpitazioni, animi infervorati dal sapore di libertà e scaldati dalla fede in antiche leggende.


    IO SONO BUIO Kiersten White Un retelling classificato come historical fantasy che nel suo narrare le vicende di Lada, primogenita di Vlad Dracul voivoda di Valacchia intorno al 1450, sfuma in un più ampio scenario che esplora l’essenza della cultura medio-orientale richiamando gli aromi speziati quasi palpabili e vivide descrizioni di paesaggi e ambientazioni esotiche, tra rigogliosi giardini, deserti torridi e scenari da Le mille e una notte. Atmosfere quasi da sogno, se non fosse per gli scontri ideologici e culturali che affiorano nel corso della storia, dalla storica argomentazione sulla posizione della donna sino ai più moderni (o forse no…) conflitti per le preferenze sessuali, senza contare l’aspetto strategico e organizzativo dell’Impero che nella sua semplicità riesce ad affascinare proprio grazie alla  sua veridicità.


    IL CIRCO DELLA NOTTE Erin Morgenstern Lasciando alle spalle le realtà storiche e sociali, è il caso di parlare di questo libro che con quell’aura misteriosa e ammaliante si rivela essere un sogno fatto di parole e pagine, una storia indimenticabile dove i confini tra realtà e magia sono così sfumati che quasi non si riconoscono e se l’ambientazione non è delle più specifiche, è l’atmosfera ad essere ben chiara, quasi tangibile e credibile, nella sua finzione. Una storia la cui trama è anch’essa pura magia ed inganno, mentre l’autore gioca con la mente del lettore, distraendolo con piccoli trucchi del mestiere, per poi dare vita a qualcosa di unico ed inaspettato, capace di conquistare e di far tornare bambini.


    CARVE THE MARK Veronica Roth Ultimo ma non meno affascinante è poi questo volume che parla della diversità, dello scontro tra culture, dei conflitti tra “tribù” differenti, ma che in un sali e scendi di emozioni e vicende da palpitazioni, trasmette empatia verso entrambi i popoli, incantando il lettore e trascinandolo in un mondo fantascientifico dove il futuro incontra la tradizione, il sapere sotto diverse forme e la fede, un elemento sempre presente che cambia ed evolve, si adatta alle dimensioni, alle civiltà e alle culture. Una storia che fonde il fascino per l’ignoto al contrasto tra nuovo e antico, passato e futuro, innovazione e tradizione.

    E dopo questo viaggio nella libertà d’immaginare, in questi cinque volumi ricchi di opportunità per estraniarsi dalla realtà e partire per mondi sconosciuti e inimmaginabili, è forse arrivato il momento di tornare con i piedi per terra e tenersi pronti per le prossime tappe del blogtour…cosa troverete nei prossimi appuntamenti? Vi lascio il calendario delle tappe per scoprirlo e sapere sempre dove seguirci…


    Domani è il turno de IL TEMPO DEI LIBRI in cui Leen affronterà il tema scottante della letteratura proibita. Vi aspetto quindi alla prossima tappa che si terrà sul suo blog, ma nel frattempo sono curiosa di sapere quali sono i libri che vi trascinano in mondi fantastici, quali sono le storie capaci di estraniarvi completamente grazie agli universi in cui l’autore catapulta il lettore e qual è per voi il più grande stimolo per l’immaginazione…forza, commentate e fatemi sapere! 😉


  • Potrebbero anche interessarti

    Nessun commento

    Lascia un commento