Libri, Libretti, Libracci
  • A caso

    Libro VS Film | Macchine Mortali – Philip Reeve

    Buon pomeriggio lettori! Come promesso, parliamo oggi del film MACCHINE MORTALI ispirato all’omonimo libro che ho recensito un paio di giorni fa (QUI il link alla recensione), due prodotti di intrattenimento che ho amato, ma tra i quali ho notato numerose differenze che ne hanno reso uno più bello dell’altro (ai miei occhi)quale? Continuate a leggere per scoprirlo! 😉
    Ebbene, tra libro e film ammetto che il film mi ha maggiormente conquistata, proprio per quel carattere che ha reso il libro meno interessante.
    Non odiatemi, ma in questo caso il libro manca rispetto al film di approfondimento, rivelandosi un filo superficiale per tutto ciò che non è l’ambientazione. In particolare sono i personaggi ad essere sacrificati, caratteri che invece nel film sono ben modellati, per certi versi stereotipati ma senza cadere troppo nel banale, lasciando dell’umanità in ognuno e dando un senso ad ogni loro azione.

    Inoltre, l’aspetto più intrigante del libro è esattamente quell’atmosfera futuristica, post-apocalittica e steampunk che grazie agli effetti e alle ambientazioni presenti nella versione cinematografica possiamo effettivamente percepire in tutto il suo splendore. Un’ambientazione che è il punto forte di entrambi, ma che nel film non si rivela essere l’unico, infatti oltre a dei personaggi fenomenali quali l’incredibile Anna Fang, la storia ha uno sviluppo più intrigante e coinvolgente, meno ingenuo e più catastrofico.

    Ammetto però che nel libro ho molto amato le parti con Katherine Valentine e Bevis Pod, e vederli messi da parte nel film mi ha molto delusa, soprattutto nel finale. Nel libro il loro ruolo è essenziale per l’epilogo, mentre nel film sono a malapena due pedine sacrificabili. In effetti, tra i due finali, ho amato molto più quello del romanzo, ma ammetto che quello del film è stato molto più…plateale, ecco!

    Altra pecca del film? I pochissimi cenni al passato e a ciò che ha reso la Terra così com’è, ciò che ha dato il via alle città Trazioniste. Avrei voluto vedere qualcosa in più a riguardo, tant’è che mia mamma e mia sorella che non avevano ancora letto il libro quando sono venute con me al cinema, mi hanno più volte chiesto spiegazioni.
    C’è però da dire che l’implacabile azione che definisce e scandisce ogni scena della pellicola non lascia il tempo di pensare troppo, facendo sì che la mancanza di un certo approfondimento “storico” e contestuale passi in secondo piano.

    Personalmente, consiglierei per chi non avesse ancora visto il film di leggere il libro prima, per poter avere un’infarinatura sul contesto e godersi appieno gli effetti cinematografici e quelle scene al cardiopalma che rendono il film tanto emozionante.

    Un libro e un film quindi entrambi molto intriganti, con un’idea di base meravigliosa, meglio sfruttata nel film a mio parere, ma che ha dato anche al libro quel perchè che mi ha molto appassionata e mi ha incuriosita riguardo l’intera serie, che è per l’appunto una trilogia. 

    Ciò che di splendido potrebbe accadere è che la Mondadori porti in Italia anche i due sequel della trilogia e che gli Universal Studios proseguano con altri due splendidi film…ma dubito accadrà quindi sono felice di assicurarvi che entrambi i prodotti di intrattenimento si concludono con un finale che lascia spazio ad un eventuale sequel, ma senza lasciare nulla in sospeso.

    Ed ora vi saluto, perchè ho una passeggiata nel bosco che mi aspetta, ma sono curiosa di sapere che ne pensate…

    AVETE LETTO O VISTO QUESTA STORIA?
    QUALE DEI DUE AVETE PREFERITO?

    Aspetto come sempre i vostri commenti e vi auguro una splendida serata, preannunciandovi che in occasione dell’epifania, ho preparato per domani un post molto speciale, mi raccomando, non mancate! 😉

  • Potrebbero anche interessarti

    7 Commento

  • Rispondi AngelTany 5 Gennaio 2019 at 15:18

    Il libro è in WL e avevo intenzione di vedere il film. Sembra davvero emozionante nonostante le pecche che hai elencato 🙂 Seguirò il tuo consiglio di leggere prima il libro per farmi un idea.

    • Rispondi Francesca Verde 8 Gennaio 2019 at 08:55

      Ciao Tany! Sì, le pecche sono fortemente "celate" da tutta l'azione e l'emozione, quindi vai tranquilla, ho solo voluto essere critica, ma il libro l'ho amato molto! ^^
      Spero possa piacere anche a te questa storia, buona lettura! 😉

  • Rispondi Alex Astrid 5 Gennaio 2019 at 20:41

    Ciao! All'inizio stavo considerando di andare a vedere il film… poi ho rinunciato: è da un po' di tempo che queste storie post apocalittiche non mi attirano più 🙁

    • Rispondi Francesca Verde 8 Gennaio 2019 at 08:56

      Ciao Alex, mi dispiace, ma d'altronde bisogna essere nel mood. Se un giorno vorrai affrontare questa storia, ti auguro di adorarla perchè è davvero un racconto originale e intrigante! ^^

  • Rispondi sorairo 6 Gennaio 2019 at 12:01

    Forse dovrei rileggere il libro. In ogni caso pregi e difetti in entrambi, mi pare di capire.
    Spero di vedere il film appena possibile .per il cinema forse è tardi, ma magari al dvd non manca molto e potrei fare stalking alla biblioteca.

    • Rispondi Francesca Verde 8 Gennaio 2019 at 08:56

      Ciao cara! Sì, te lo consiglio, soprattutto se non hai amato troppo il libro. Quello che al libro manca, il film lo ha e viceversa! 😉

  • Rispondi Sara - Milioni Di Particelle Blog 9 Gennaio 2019 at 22:26

    Film sotto ogni punto di vista. Ho amato molto il personaggio di Shrike perchè dove non è spiegato nel libro nel film gli viene data una vita, un motivo e fa addirittura tenerezza. Un film molto bello. Rende migliore il libro, questo poco ma sicuro. Sono comunque leggermente curiosa di sapere come continua la storia visto come è finita.

  • Lascia un commento