Libri, Libretti, Libracci
  • A caso

    GDL | Discussione CAP 7-11 Rebel.La nuova alba

    Buongiorno lettori! Prosegue la lettura della trilogia Rebel di Alwyn Hamilton con il gruppo di lettura capitanato da Chara de La lettrice sulle nuvole, ed è finalmente arrivato il mio turno di parlarvi del terzo libro, ovvero REBEL.LA NUOVA ALBA.

    Libro che sto amando, forse più dei precedenti, che ci sta regalando gioie e dolori, e che vorrei al contempo leggere tutto d’un fiato senza mai arrivare alla fine…insomma, la Hamilton mi sta creando una certa dipendenza, ecco! ^^
    Ma andiamo al dunque, perchè parliamo oggi dei capitoli da 7 a 11, in cui ahimè, ne sono successe di tutte i colori! Mi raccomando, attenti agli spoilers!! 😉

    La verità è che questi capitoli sono fuoco e fiamme, un po’ come ogni pagina scritta da Alwyn Hamilton, ma c’è anche da dire che la nostra Amani sta un po’ perdendo la bussola e la vediamo purtroppo iniziare a traballare sotto il peso del ruolo che ha pensato bene di sobbarcarsi nel (tragico) finale del secondo libro.
    QUALE? MA QUELLO DI LEADER DELLA RIBELLIONE!
    Lo so, ce lo aspettavamo dalla prima pagina del primo libro, ma ahimè devo dire che in questo momento vorrei vedere chiunque a capo della ribellione, ma non Amani.
    Ormoni in subbuglio a parte (perchè la capisco, Jin ha un certo fascino), le sue energie iniziano a disperdersi facilmente. Le sue idee e i suoi piani riescono quasi sempre, ma sempre per il “rotto della cuffia”. E in effetti in questi capitoli ne paghiamo le conseguenze, perchè l’evento che sto cercando di evitare perchè mi si spezza il cuore solo a pensarci, è forse ciò che ha più rilievo in quel marasma che sono le pagine di questa tappa.
    HALA MUORE.
    Sì, non c’è altro modo per dirlo e questo è ciò che più mi ha destabilizzato dall’inizio di questo libro alla fine del capitolo 11, perchè Hala è stata una dei personaggi che secondo me sono stati sfruttati meglio in questa storia. Al di là del suo potere insostituibile, lei era forse l’unica a tener testa ad Amani, era la sua controparte nella ribellione, e questo ruolo non credo che lo troveremo facilmente in un altro personaggio.
    Per quanto adori Amani, la sua indipendenza, la sua forza e la sua determinazione, in realtà è un po’ una bomba ad orologeria e forse alcune delle ultime parole di Hala lo spiegano abbastanza, perciò ammetto che sono abbastanza preoccupata su quello che succederà ai nostri ribelli d’ora in avanti con a capo la nostra protagonista. Forse potrei anche avere una bassa stima di lei in effetti, non ne sono certa, ma non so voi, io ho davvero temuto che Hala finisse viva nelle mani del sultano, c’è stata qualche riga di troppo in cui Amani ha esitato, ma il dubbio morale è comprensibile e alla fine anche qui la Hamilton ha centrato il tiro.
    Allontanandoci invece da questo tragico evento da cui non so se mi riprenderò tanto presto, devo ammettere che nel complesso sono stati cinque capitoli da capogiro, ne sono successe di tutte i colori ed è stato bello finalmente vedere i ribelli risvegliarsi da quello stato di assopimento e demoralizzazione (si dirà?), iniziare a pianificare in modo strategico le nuove mosse, valutando il sultano e la sua geniale/sadica figliola come un nemico.
    Parlando di Leyla oserei dire che mi è sembrato un filo scontato il suo ingannevole ruolo nel libro precedente, e riguardo questi primi undici capitoli potrei avere ancora da ridire su di lei, tuttavia mi piace come nonostante queste scelte banali l’autrice le abbia dato un retroscena interessante e plausibile, soprattutto trovo abbia una sfera emotiva e psicologica ben delineata che spero porterà a nuovi sviluppi ancora più intriganti.
    Detto questo però mi fermerei, perchè non vorrei subissarvi con le mie teorie complottiste o con i miei opinabili giudizi riguardo la piega che sta prendendo questo meraviglioso e inarrestabile terzo libro, di sicuro però sono felice di aver avuto l’opportunità di ospitare questa tappa di discussione perchè trovo ci sia stata una svolta non da poco nel filo della trama.

    Ma adesso tocca a voi, perchè voglio sapere cosa ne pensate di questi avvenimenti drammatici, quanto vi mancherà Hala e quanto eroica è stata o meno la sua morte.

    Mi piacerebbe sentire la vostra opinione su Amani, perchè come avrete notato, per quanto sia una tra le protagoniste che più adoro, in questo libro sta iniziando a perdere un po’ la stoffa…c’è da dire che abbiamo ancora oltre trecento pagine per un cambio di rotta…

    Ad ogni modo, fatemi sapere il vostro pensiero su tutto che sono curiosissima!! 😉

  • Potrebbero anche interessarti

    7 Commento

  • Rispondi Chicca Blog Librintavola 22 Maggio 2019 at 04:50

    fin da quando Hala e Amani sono entrate nel tempio sapevo che la prima sarebbe morta, me lo aspettavo, ormai ho capito che la hamilton è una sadica di livello 9 e da qui alla fine della storia ci metterà davanti a scelte che non apprezzeremo.
    sono d'accordo con te sul fatto che amani cominci a sbarellare ma ricordiamoci che lei non ha mai voluto essere una leader il suo ruolo è quello del "soldato" e si vede, comunque io spero nella imminente liberazione di ahmed e di shazad.

  • Rispondi Alessia 22 Maggio 2019 at 07:43

    La morte di Hala mi è dispiaciuta tantissimo, una donna che dalla vita non ha avuto nulla, ha sofferto e ha perso la sorella e la vita per la ribellione…un bellissimo personaggio!
    Amani è un leader ma non uno stratega ed adesso si trova a dover pagare le proprie azioni spesso troppo avventate!

  • Rispondi Chiara Ropolo 22 Maggio 2019 at 12:31

    che bel post e condivido il tuo pensiero sia su Hala (non ce la faccio a riprendermi) che su Amani. Ti dirò che sulla nostra protagonista adoro questo suo tentennamento, me la rende più vera, più imperfetta. I dubbi, i ripensamenti, i sensi di colpa, secondo me l'autrice ha fatto bene a metterli. Curiosissima di continuare

  • Rispondi sorairo 23 Maggio 2019 at 20:16

    Hala non era affatto un personaggio che mi piaceva, ma ho apprezzato la sua storia. Ho comunque sofferto per la sua fine, fino all'ultimo ho sperato nel numero di magia. Invece Amani ha dovuto fare l'inevitabile.
    In realtà Amani mi sta piacendo ancora di più ora che la situazione la sta mettendo a dura prova. Non è sadismo, però apprezzo la sua evoluzione.

  • Rispondi Dolci 24 Maggio 2019 at 11:02

    Hala non mi era simpaticissima ma mi dispiace sia morta. Amani è un personaggio perfetto nella sua umanità. Ora basta perdite anche se la Hamilton si sta rivelando sadica.

  • Rispondi Giusy P. 24 Maggio 2019 at 13:52

    Concordo su Hala. Ho impiegato un po' per apprezzarla, ma alla fine mi piaceva veramente tanto. Mi ha spezzato il cuore la sua morte 💔
    Amani continua a piacermi e secondo me questo suo non essere all'altezza di leader me la fa piacere decisamente di più. Adesso non vedo l'ora di continuare per vedere cosa succederà nei prossimi capitoli… Ho paura!

  • Rispondi Maryella B. 27 Maggio 2019 at 07:09

    Sono dispiaciuta per Hala, era un personaggio di spessore e stava dando molto alla storia, però una guerra prevede delle perdite e in questo la Hamilton interpreta alla grande questo principio. Penso che siamo ancora in una fase di assestamento, non è ancora chiaro come potrebbero andare le cose, vedremo..,

  • Lascia un commento