Libri, Libretti, Libracci
  • Recensione / Recuperoni

    Il meraviglioso mago di Oz, di Lyman Frank Baum

    Ciao lettori! Per iniziare al meglio il giovedì vi racconto di una delle mie letture di dicembre, forse quella che mi ha entusiasmato di più, ovvero IL MERAVIGLIOSO MAGO DI OZ, classico per ragazzi di Frank Baum che ho letto in compagnia del gruppo di lettura Recuperoni e che ho davvero apprezzato. Vi lascio qualche informazione su questo intramontabile romanzo seguite dalla mia recensione! 😉

    TITOLO Il meraviglioso mago di Oz
    AUTORE Frank L. Baum
    EDITORE Gribaudo
    PRIMA PUBBLICAZIONE 1900
    PAGINE 188
    CARTACEO 7.90 €  |  E-BOOK 1.99 €
    (CLICCA SULLA COPERTINA PER ACQUISTARLO)

    Frank L. Baum (1856-1919) è uno scrittore americano a cui si deve il romanzo americano più famoso di letteratura per l’infanzia, Il meraviglioso mago di Oz. Appassionato della scrittura e del teatro fin da giovanissimo, ebbe il primo suo grande successo nel 1899 quando pubblicò Father Goose: His Book, una raccolta di poesie nonsense, che divenne il libro per bambini più venduto dell’anno. Nel 1900, Baum e Denslow pubblicarono Il meraviglioso mago di Oz che ebbe un successo trionfale; apprezzato dalla critica, fu bestseller per ben due anni consecutivi. Sulla scorta di questo successo, Baum realizzò negli anni successivi ben altri tredici romanzi ambientati nel Paese di Oz. In seguito, Baum realizzerà un adattamento del romanzo in musical.

    Nelle grigie praterie del Kansas un potente tornado trascina via la casa di Dorothy e la lascia cadere nel misterioso Paese di Oz, un mondo fantastico popolato da strane creature: Biascichini, Scimmie Alate, Ammicchetti, Quadrotti… Attraverso il tema simbolico del viaggio, metafora della vita, Baum crea un’opera stupefacente. Dorothy, accompagnata dal Boscaiolo di Latta, dallo Spaventapasseri e dal Leone Codardo, parte alla ricerca del mago che potrà aiutare ognuno di loro. I quattro visiteranno luoghi incredibili, compiendo svariate esperienze in un Paese unico, pieno di colori, di atmosfere suggestive e di magia. Alla fine, dopo aver affrontato mille peripezie e avventure, ognuno dei protagonisti troverà quello che cerca. “Il meraviglioso mago di Oz” è una fiaba moderna che ci trasporta insieme a Dorothy in un luogo da sogno dove anche noi, camminando lungo la strada di mattoni gialli, partecipiamo a un viaggio indimenticabile.

    RECENSIONE

    IL MAGO DI OZ (o Il meraviglioso mago di Oz) è un racconto scritto per un pubblico estremamente giovane, così come l’autore ribadisce nella prefazione è una storia da leggere con spensieratezza, senza cercare una morale nascosta. In effetti ciò che ho adorato maggiormente di questa lettura è stata la freschezza con cui Baum ha narrato l’intero racconto, e se una morale non è stata prevista, di sicuro è un libro capace di arricchire il lettore.

    L’educazione moderna prevede l’insegnamento morale; quindi il bambino di oggi, nei racconti fantastici che legge, cerca solo ed esclusivamente divertimento e svago e fa volentieri a meno di tutti quegli episodi spaventosi. A partire da questo presupposto, la storia Il Meraviglioso Mago di Oz è stata scritta soltanto per far divertire i bambini dei nostri giorni. Aspira ad essere una favola dei tempi moderni, che mantiene intatte la meraviglia e la gioia e lascia fuori l’angoscia e gli incubi. (Estratto dalla prefazione di Frank L. Baum, aprile 1900)

    L’intreccio della trama come noto a molti si sviluppa con semplicità e tanta fantasia intorno al viaggio della piccola Dorothy nel paese di Oz, un’avventura ricca di peripezie e situazioni sorprendenti, alcune tanto assurde da riportarci ai giorni dell’infanzia, o almeno nel mio caso è stato così: mi ha ricordato quando da piccola con la mia sorellina immaginavamo viaggi incredibili e senza senso per il puro gusto di inventare. Ciò che poi mi ha colto alla sprovvista è la tenerezza di questa storia che la rende speciale sotto ogni punto di vista.

    Nonostante non ci sia una morale da leggere tra le righe, devo ammettere che alla fine l’ho colta comunque, perchè quello che sembra essere il filo conduttore di ogni vicenda è proprio la mancanza di sicurezza in sé stessi nei personaggi principali. Ciò che ci insegna Baum con questa favola leggera e divertente è proprio che quasi sempre le risorse che vorremmo avere sono già dentro di noi, serve solo uno stimolo per farle venir fuori e credo che per un ragazzino poter cogliere una simile lezione è già un grande incoraggiamento, oserei dire che lo stesso vale per molti adulti.

    «Quello che ti manca è la fiducia in te stesso. Tutti davanti a un pericolo si spaventano, sai? Il vero coraggio consiste nell’affrontare il pericolo malgrado la paura e questo genere di coraggio a te non manca.»

    Il meraviglio mago di Oz è dunque una favola dalle note allegre e divertenti, una lettura da prendere per ciò che è, ovvero un racconto per bambini, ed apprezzare proprio per la sua disarmante semplicità.

    In generale trovo che sia il libro per ragazzi più completo che abbia letto, è una storia piacevole che si può leggere con meraviglia e spensieratezza, di una leggerezza incredibile e sicuramente un libro da leggere almeno una volta nella vita, sia da piccini che da grandi.

    Una storia che sono felice di aver recuperato, e spero di poter un giorno rileggerla insieme a quelli che saranno i miei bimbi, nel frattempo però sono curiosa di sapere se lo avete letto o conoscete questa storia.

    Io sinora avevo semplicemente visto il film con Judy Garland e nonostante sia uno dei miei preferiti, devo ammettere che ho trovato il libro di tutt’altro livello, semplicemente meraviglioso!

    La cosa che mi ha lasciata perplessa sono i seguiti di questo racconto, altri tredici libri ambientati nel paese di Oz, ma non credo che proseguirò la lettura della serie: ho trovato talmente bello questo racconto che non vorrei rovinarmi l’esperienza, soprattutto visto che questi altri racconti sono stati scritti da Baum su richiesta insistente del suo “pubblico” e degli editori.

    A gennaio leggeremo SEI PERSONAGGI IN CERCA DI AUTORE, di Luigi Pirandello, altra lettura assolutamente da recuperare, chi sarà dei nostri?  Se siete interessati potete iscrivervi al gruppo di lettura sulla pagina facebook (QUI), siete tutti i benvenuti!

    franci
  • Potrebbero anche interessarti

    Nessun commento

    Lascia un commento