Libri, Libretti, Libracci
  • Recensione / Review Party

    La confraternita degli storici curiosi, di Jodi Taylor

    Buongiorno lettori! Avete già fatto un salto in libreria oggi? Forse è un po’ prestino, ma in pausa pranzo vi consiglio di non lasciarvi sfuggire l’occasione perchè è arrivato un libro davvero singolare! Il titolo è LA CONFRATERNITA DEGLI STORICI CURIOSI, romanzo di Jodi Taylor in cui si parla di viaggi nel tempo, intrighi e follie, quindi non aspettatevi un libro noioso, perchè questa lettura mi ha davvero sorpreso e ve ne parlo oggi con entusiasmo in occasione del Review Party! 😉

    Ringrazio Raffaella del blog The Reading’s Love per aver organizzato l’evento e la casa editrice per la copia recensione in anteprima. Ed ora ecco qualche informazione su libro e autrice, seguita dalla mia recensione! 😉

    TITOLO La confraternita degli storici curiosi
    AUTORE Jodi Taylor
    EDITORE Corbaccio
    PAGINE 377
    DATA DI USCITA 6 Febbraio 2020
    CARTACEO 18.60 €  |  E-BOOK 9.99 €
    (CLICCA SULLA COPERTINA PER ACQUISTARLO)

    Jodi Taylor è ed è sempre stata una fanatica di Storia. Nata a Bristol e cresciuta a Gloucester (cose che entrambe le città negano risolutamente), ha trascorso molti anni con la testa altrove, con grande dispiacere della famiglia, dei professori e dei colleghi, finché ha deciso di concretizzare tutte le sue fantasie e ha finalmente preso in mano una penna. Non ha ancora idea di quel che farà da grande. Il suo romanzo d’esordio, La confraternita degli storici curiosi, è un mix di storia, avventura, commedia, romance, tragedia e qualunque altra cosa vi venga in mente, ed è diventato un bestseller internazionale.

    Dietro la facciata apparentemente innocua dell’Istituto di ricerche storiche Saint Mary, si nasconde ben altro genere di lavoro accademico. Guai, però, a parlare di «viaggio nel tempo»: gli storici che lo compiono preferiscono dire che «studiano i maggiori accadimenti nell’epoca in cui sono avvenuti». E, quanto a loro, non pensate che siano solo dei tipi un po’ eccentrici: a ben vedere, se li si osserva mentre rimbalzano da un’epoca all’altra, li si potrebbe considerare involontarie calamite-attira-disastri. La prima cosa che imparerete sul lavoro che si svolge al Saint Mary è che al minimo passo falso la storia vi si rivolterà contro, a volte in modo assai sgradevole. Con una vena di ironia, la giovane e intraprendente storica Madeleine Maxwell racconta le caotiche avventure del Saint Mary e dei suoi protagonisti: il direttore Bairstow, il capo Leon Farrell, Markham e tanti altri ancora, che viaggiano nel tempo, salvano il Saint Mary (spesso – anzi sempre – per il rotto della cuffia) e affrontano una banda di pericolosi terroristi della Storia, il tutto senza trascurare mai l’ora del tè. Dalla Londra dell’undicesimo secolo alla prima guerra mondiale, dal Cretaceo alla distruzione della Biblioteca di Alessandria, una cosa è certa: ovunque vadano quelli del Saint Mary, scoppierà il finimondo.

    RECENSIONE

    Guardate bene l’eleganza della cover, leggete quel bel titolo affascinante, ed ora dimenticate tutto ciò che avete associato a queste immagini! LA CONFRATERNITA DEGLI STORICI CURIOSI è un totale caos, una bomba a orologeria, un mix di fantascienza, fantasy, dramma, romance, e chi più ne ha più ne metta. Ci sono i cattivi e ci sono i buoni, ci sono personaggi mitologici e c’è una protagonista davvero incasinata. Insomma, pensate a qualcosa che può esserci in un romanzo e vi assicuro che farete centro!

    Un gran minestrone, direte voi. Può darsi, ma nel caso è uno dei più gustosi che abbia mai assaggiato! L’autrice ha creato una storia pazzesca, in cui ogni vicenda è un’avventura a sé, ma tutto porta ad un finale che sicuramente dà grande spazio ai sette libri che seguono. Ebbene sì, questo è il primo libro di una serie di otto romanzi, ma la verità è che è meraviglioso anche come stand-alone, proprio per questa sua natura “psichedelica”.

    Ma andiamo con ordine e iniziamo da quella che è la voce narrante, ovvero la dottoressa Maxwell, una giovane laureata piena di entusiasmo per la Storia e per le avventure. Una storica che si discosta da ogni pregiudizio sul genere, perchè darà costantemente al racconto una scarica di adrenalina irrefrenabile. Un po’ sfortunata, ma soprattutto una cerca guai, la nostra protagonista finirà nelle situazioni più ironiche e divertenti, a tratti drammatiche, ma sempre incasinate.

    Come ripete sempre Max, il Saint Mary è chiassoso, dopotutto. E dire chiassoso è un eufemismo, perchè l’istituto di ricerche storiche è un ricettacolo di guai, lotte intestine, amori ingarbugliati e persone molto, molto particolari.

    Ogni dettaglio in questa storia è reso al massimo della follia plausibile per un centro di ricerche storiche, ecco perchè ogni personaggio ha dei tratti singolari, fuori dal comune, spesso ricoprendo uno stereotipo, ma nell’insieme tutti quanti i personaggi messi in gioco dalla Taylor creano un gruppo armonioso, perfetto per un romanzo dove il lettore può rimanere scioccato per ben tre volte in una stessa pagina.

    La trama è in effetti un garbuglio magistralmente ricamato, pensato per lasciare a bocca aperta il lettore che si troverà per le mani questa storia, ma pur sempre un garbuglio. Ci sono alcuni “fili” che ricorrono un capitolo dopo l’altro, altri che spuntano quando mai te lo saresti aspettato, ma il risultato è uno sviluppo di trama sorprendente, comico, divertente, surreale e in molti, molti, moltissimi casi drammatico, perchè se dalle mie parole la Taylor vi è sembrata un’autrice che semplicemente ride e scherza, vi assicuro che ha anche un gran senso del dramma, del tragico.

    Ecco perchè rimarrete sicuramente incollati alle pagine di questa storia esattamente come è successo a me, fino all’epilogo, con il desiderio di avere già a portata di mano un altro volume della serie. Non perchè il finale abbia un cliff-hanger o altro, ma proprio perchè lo stile di Jodi Taylor inizialmente fastidioso perchè totalmente fuori dal comune in ogni sua scelta, diventerà l’unica cosa che vorrete leggere

    A discapito di questa meravigliosa e sorprendente follia però ammetto che avrei preferito vedere approfonditi e resi meno incoerenti alcuni personaggi, ma probabilmente avrebbe compromesso l’armonia di un libro così singolare, unico e lontano da ogni previsione!

    Ed ora vi saluto, sono curiosa di sapere se avete intenzione di leggere questo libro, se è il vostro genere o se proprio non lo è ma un minimo vi ho incuriositi! 

    Vi ricordo che essendo un Review Party, potete leggere altre recensioni visitando i blog partecipanti, magari saranno meno freneticamente entusiaste della mia, più seriose e meglio descrittive…chissà! Vi lascio l’elenco dei blog: The Reading’s Love, Romance e altri rimedi, Who is Charlie?, The Mad Otter, Hook a Book

    franci
  • Potrebbero anche interessarti

    2 Commento

  • Rispondi Mariarosaria Palmentieri 12 Febbraio 2020 at 12:29

    ma io lo vogliooooooooooooo

    • Rispondi Franci - Libri Libretti Libracci 13 Febbraio 2020 at 11:05

      Sììììì…è molto carino, simpatico, ironico e divertente…assolutamente nulla a che vedere con quello che ci si aspetterebbe da degli storici!

    Lascia un commento