Libri, Libretti, Libracci
  • Recensione / Review Party

    Le diecimila porte di January, di Alix E. Harrow

    Buongiorno lettori! Le novità di questa settimana sono davvero moltissime e vi racconto oggi de LE DIECIMILA PORE DI JANUARY, fantasy di Alix E. Harrow che mi ha conquistato e che finora potrebbe essere il mio fantasy preferito del 2020. Ma non corriamo troppo, mancano ancora diversi mesi e moltissime uscite, vi racconto però quella che è stata la mia esperienza di lettura, cosa mi è piaciuto di questo e cosa no, nella recensione qui sotto.

    Vi lascio però prima il calendario dell’evento cui partecipo per l’uscita del libro, con i blog partecipanti e le date in cui potrete trovare sulle diverse pagine le recensioni di questo meraviglioso libro! 

    Per l’organizzazione dell’evento ringrazio Francesca del blog e canale YouTube The Library of Belle, insieme alla casa editrice che ha fornito la copia del libro in anteprima Ma ora, ecco la scheda libro seguita dalla mia recensione! 😉

    TITOLO Le diecimila porte di January
    AUTORE Alix E. Harrow
    EDITORE Mondadori
    PAGINE 396
    DATA DI USCITA 13 Ottobre 2020
    CARTACEO 20.00 €  |  E-BOOK 9.99 €  
    (CLICCA SULLA COPERTINA PER AVERE PIÙ DETTAGLI)

    Estate 1901. Un’antica dimora nel Vermont, piena di cose preziose e sorprendenti. La più peculiare è forse January Scaller, che vive nella casa sotto la tutela del facoltoso signor Locke. Peculiare e atipica, almeno, è come si sente lei: al pari dei vari manufatti che decorano la magione è infatti ben custodita, ampiamente ignorata, e soprattutto fuori posto. Suo padre lavora per Locke, va in giro per il mondo a raccogliere oggetti “di un valore singolare e unico”, e per lunghi mesi la ragazzina rimane nella villa ridondante di reperti e stranezze, facendo impazzire le bambinaie e, soprattutto, rifugiandosi nelle storie. È così che, a sette anni, January trova una porta. Anzi, una Porta, attraverso cui si accede a mondi incantati che profumano di sabbia, di antico e di avventura… Sciocchezze da bambini. Fantasie assurde, le dicono gli adulti. E January si impegna con tutta se stessa per rinunciare a quei sogni di mari d’argento e città tinte di bianco. Per diventare grande, insomma. Fino al giorno in cui, ormai adolescente, non trova uno strano libriccino rilegato in pelle, con gli angoli consumati e il titolo stampigliato in oro semiconsunto: “Le diecim por”. Un libro che ha l’aroma di cannella e carbone, catacombe e terra argillosa. E che porta il conforto di storie meravigliose nel momento in cui January viene a sapere che il padre è disperso da mesi. Probabilmente morto. Così la ragazza si tuffa in quella lettura che riaccende il turbine di sogni irrealizzabili. Ma lo sono davvero? Forse basta avere il coraggio di inseguirli, quei sogni, per farli diventare realtà. Perché pagina dopo pagina January si accorge che la vicenda narrata sembra essere indissolubilmente legata a lei…

    RECENSIONE

    LE DIECIMILA PORTE DI JANUARY è un libro fantasy curioso, una continua scoperta che si apre su mondi nuovi, ma soprattutto su esperienze, su situazioni sofferte, su dinamiche che determinano l’intreccio di una trama apparentemente composta da due filoni principali e che si dispiega nel corso della lettura in maniera scorrevole, naturale, intensa.

    Intenso è in effetti il termine migliore per definire questo libro, un racconto che fin dalle prime pagine ci mostra la penna estrosa dell’autrice che non solo è in grado fin da subito di coinvolgerci emotivamente, ma con uno stile unico e avvincente ci trasporta in un periodo passato, agli inizi del ‘900, attraverso il racconto di January, e alle vicissitudini che ne hanno imposto la posizione nel mondo, una casa accogliente ma stretta intorno alla sua natura avventurosa.

    January è in effetti una voce narrante ricca di domande, sensazioni, emozioni, ma soprattutto negazioni che vanno man mano accumulandosi per poi esplodere, ed è quello che succede nel corso della lettura alla protagonista stessa e alla sua storia.

    Un’esplosione che travolge noi lettori, mentre l’autrice con maestria inserisce un secondo filo narrativo con protagonista la giovane Addie e ci trasporta ancora una volta in un’avventura appassionante, una vicenda coinvolgente, tanto da non sapere quale delle due è quella di cui vogliamo leggere e per fortuna iniziano ad alternarsi in maniera costante, prima January e poi Addie.

    Un intreccio azzeccato, ben equilibrato, che ci lascia conoscere i retroscena dell’una e l’altra storia, schiarendoci le idee e lasciando a January il tempo e le situazioni per conoscere la verità, una verità che ammetto avevo teorizzato a inizio libro, ma che è arrivata comunque in modo sorprendente nel finale, un epilogo che soddisfacente, che rende questo fantasy autoconclusivo, ma che lascia uno spiraglio per l’autrice di ampliare la storia in futuro, e a noi lettori il piacere di immaginare le avventure che aspettano il futuro di January.

    Una curiosità che nasce in maniera naturale grazie alla costruzione perfetta di questa protagonista, un carattere che evolve, matura, cambia a seconda dei dubbi e delle domande cui trova una spiegazione, crescendo di capitolo in capitolo, un’esperienza dopo l’altra, arricchendosi degli insegnamenti e delle lezioni che il destino la porta a scoprire, facendo la conoscenza di amici speciali, compagnie fedeli e dal valore eccezionale, così come il suo potere.

    La magia è in questo libro mascherata, inizialmente resta il forte dubbio tutto sia pura fantasia di January, un carattere che ritroviamo nel finale, tuttavia i poteri che conosciamo e che cambiano da un personaggio all’altro rendono ognuno di loro speciale, ma credibile, perchè non si tratta di poteri casuali, ma ben pensati e in equilibrio con il carattere dei personaggi che li possiedono. L’unica pecca potrebbe essere l’inesistenza di un sistema magico ben regolato e specifico, ma in un mondo con diecimila porte, è già sufficiente sapere che l’unico limite alla magia è il prezzo che questa chiede.

    Una lettura che non solo si rivela appassionante, scorrevole, ben costruita nell’intreccio, ma che si permette di sfiorare con delicatezza e a volte con crudeltà le tematiche legate alla diversità e alle problematiche correlate dell’epoca in cui è ambientato, portando un pizzico di realtà storica in un’avventura fantasy dalle dinamiche avventurose, perfette per chi ama fare teorie durante la lettura e immaginare il finale e la soluzione ai misteri che una magia sconosciuta porta con sè.

    Quindi, questi i motivi per cui Le diecimila porte di January si prende il merito di essere uno dei migliori fantasy pubblicati nel 2020 qui da noi, caratteri che mostrano la maestria dell’autrice nel raccontare storie e storie dentro altre storie, ma soprattutto di saper trasmettere appieno ogni singolo aspetto senza tediare o annoiare il lettore, al contrario di accendere in lui entusiasmo e curiosità.

    Ed ora vi saluto, mi auguro di aver suscitato in voi un pizzico di curiosità perchè trovo che questo libro sia davvero speciale e ricco sotto ogni punto di vista. Adesso sono curiosa di sapere se lo leggerete, che dite, gli darete una chance? 😉

    franci
  • Potrebbero anche interessarti

    2 Commento

  • Rispondi Franci 14 Ottobre 2020 at 13:03

    Adoro questa recensione, se non stessi già leggendo il libro mi avresti convinta a comprarlo subito 😛

    • Rispondi Franci - Libri Libretti Libracci 15 Ottobre 2020 at 10:32

      Ahah, grande! Spero ti stia piacendo, come avrai letto io l’ho amato! *-*

    Lascia un commento