Libri, Libretti, Libracci
  • Concorso IN MILLE PAROLE

    Essere single non è una tragedia, di Alessandro Ricci – Vincitore Febbraio 2021

    Buongiorno lettori! Anche questo mese sono qui ad annunciare il vincitore del Concorso In Mille Parole indetto dal blog Vuoi Conoscere un Casino? di Alex, concorso letterario in cui io, Alex e Simona de Il Mondo di Simis ricopriamo il ruolo di giudici.

    Di recente abbiamo pubblicato la raccolta dei racconti vincitori del 2020 (che potrete trovare a questo link), dopodiché il concorso ha ripreso il via per nuove sfide creative e questo mese abbiamo pensato di restare in tema, ma evitando il solito “san valentino”. Sì, perché il topic di questo mese appena passato, ovvero di febbraio, è stato “San Faustino”, a favore di tutti i single bistrattati in questo romantico mese dell’anno! 😀

    Il post con le regole del tema potete leggerlo qui, ma oggi è arrivato il momento di parlare dei vincitori di questo particolare argomento e, tra tutti i partecipanti, ad aggiudicarsi il primo posto è stato un autore che non tornava sul podio da un po’…

    L’autore vincitore di questa edizione è ALESSANDRO RICCI che con il suo racconto a tema “SAN FAUSTINO” è tornato sul podio di questo concorso, regalandoci uno dei più bei racconti che abbia letto, geniale e toccante direi, con il giusto tono di morale e ironia!

    Di seguito potete leggere il suo racconto, buona lettura!

    ESSERE SINGLE NON È UNA TRAGEDIA, di Alessandro Ricci

    Essere single non è una tragedia, me lo ripetono tutti.
    Al giorno d’oggi sono tanti quelli che decidono di vivere da soli. Single per scelta si definiscono.
    Io la rispetto, questa loro scelta, ma non la condivido. Come potrei? Io che sono single per un tragico scherzo del destino.
    Si, lo so cosa state per dire, non c’è bisogno di essere in due per essere felici, doversi accoppiare per forza è un retaggio sociale antico e superato
    E’ una vostra opinione, se permettete.
    Certo, avete ragione quando sostenete che un individuo può dirsi completo quando riesce ad autodeterminarsi, senza bisogno di un compagno o una compagna, a essere contento anche quando è solo. Soprattutto quando è solo.
    Altrimenti la sua felicità non è che un’illusione, subordinata al fatto di essere in due.
    Avete proprio ragione, ragione da vendere.
    Io però da quando sono solo non sto affatto bene. Sono lo stesso di prima, ma è come se mi mancasse un pezzo. Ho perso una parte di me, che mi identificava.
    Non ho più uno scopo nella vita, ho perduto il motivo stesso di esistere.
    Credo di essere stato concepito per stare in coppia.
    Molti di voi non mi capiranno, so bene anche questo. Qualcuno riderà di me, ma non mi importa.
    Consideratemi pure un debole, uno stupido romantico, ma io solo non ci so stare. Sono fatto così e non me ne vergogno.
    Dite che dovrei reagire? Farmi forza e godermi i vantaggi della vita da single? Di un’esistenza priva di limiti e costrizioni?
    Fosse facile! Per me non lo è affatto. Essere single è una tragedia, inutile ingannarsi.
    Parlavo proprio di questo col mio vicino la scorsa settimana.
    “Non te la prendere” mi ha detto. “Io sono single da sempre, non è così male, sai?”
    Me lo diceva col tono di chi ti rivela una grande verità, peccato che sia uno stupido, il mio vicino.
    “Cosa non è male? Non avere nessuno con cui passeggiare, un’anima gemella con cui accoccolarsi la sera e dimenticare gli odori e le fatiche della giornata? Questo non sarebbe male?”
    “Non ti scaldare così” ha risposto lui sulla difensiva, a ripensarci forse ho alzato un po’ troppo la voce. “Volevo solo dirti che io me la cavo alla grande da solo.”
    “Parli bene tu non sei altro che un ridicolo boxer” ho sbottato, poi ho chiuso il cassetto e mi sono rimesso a dormire.
    Dormo molto ultimamente, non esco più come prima, preferisco starmene da solo a pensare alla mia sfortuna. Nel buio del cassetto dormo e sogno. Sogno di non essere solo, di essere di nuovo felice e completo.
    Dicono che la miglior cura contro la tristezza post separazione sia quella di uscire, fare cose, vedere gente, ma non mi va di affrontare il mondo come se nulla fosse. Non ce la faccio.
    Anche se volessi uscire poi, chi vorrebbe usare un calzino spaiato?
    No, preferisco stare qua e aspettare che arrivino le tarme. Spero che facciano in fretta, che divorino le mie fibre inutili e mettano fine a questo senso di vuoto che mi opprime.
    Sapete cosa c’è più triste di essere un calzino single? Stare in un cassetto pieno zeppo di calzini accoppiati e felici. Vederli stringersi a vicenda e uscire spensierati, ignari di quanto sono fortunati.
    Non parlano più con me, mi guardano con compassione e un po’ di paura, ricordo loro cosa potrebbe accadergli se rimanessero soli, così preferiscono ignorarmi.
    Non parlo con nessuno da quando ho litigato col mio vicino.
    Non l’ho più visto, credo che si sia offeso. Poco male, come vi ho detto è uno stupido.
    Non ho bisogno di lui, voglio solo dormire e sognare.
    Ho sognato di nuovo, ieri, non uno di quei sogni belli. Ho sognato il terribile momento in cui sono rimasto single. E’ passato più di un mese ormai, ma lo ricordo come se fosse ieri
    Eravamo insieme felici, due metà del solito capo di abbigliamento. Stavamo per farci il bagno.
    Ah, come eravamo spensierati! Pronti a gettarci in mezzo alla schiuma, ridendo e schizzandoci a vicenda. Lo avevamo fatto mille volte, e ogni volta era come la prima.
    Chi avrebbe mai potuto pensare che la nostra felicità si sarebbe disgregata in un paio di giri di centrifuga? Come vi dicevo, lo avevamo fatto spesso e non era mai capitato nulla.
    Si c’erano delle voci su misteriosi sparizioni, leggende che si raccontavano la sera per il gusto di spaventarci, ma nessuno di noi due ci credeva veramente. Eravamo insieme, uniti e innamorati. Che poteva succedere di male?
    Ci siamo persi di vista durante la fase di asciugatura per capi misti, ma non mi sono preoccupato, era già capitato.
    Invece tutto ad un tratto mi sono trovato solo. E’ incredibile come in pochi secondi la tua vita, quello in cui credevi, possa scomparire come una bolla di detersivo ultraforte per macchie ostinate.. In un momento banale, senza che nessuno intorno a te si accorga dell’immensa tragedia che si sta consumando.
    Ho cercato dappertutto, sull’asse da stiro– è stato inutile, chi stira i calzini? – nel cesto della biancheria da piegare e infine nel cassetto dove abito. Ma come avrete capito è stato tutto inutile.
    Adesso sono qua e aspetto la fine.
    Stanno aprendo il cassetto. Spero che non sia quel boxer invadente, altrimenti dovrò mandarlo al diavolo una volta per tutte.
    No, è un Umano. Starà cercando un paio di fortunatissimi calzini per uscire. Calzini in coppia, non spaiati come me.
    Aspettate, sta prendendo proprio me. L’ora della mia dipartita è infine giunta, sarò sollevato dal mio dolore inconsolabile. Chissà se esiste un posto speciale in paradiso dove finiscono i calzini spaiati, un posto dove non sarò mai più solo.
    L’umano non mi getta. E’ pazzo. Mi ha infilato nella sua mano. Diamine, ma è contro natura! Non sono fatto per stare li. Però è piacevole, strano ma piacevole.
    Meraviglia, non sono più un calzino spaiato. La mano dell’umano dentro di me mi ha trasformato in un serpente. Lo sento ruggire. Sono un drago! Ho sempre desiderato essere un drago.
    Il dolore della perdita si sta affievolendo in una dolce nostalgia. Non desidero più farla finita.
    La vita è piena di sorprese, brutte e belle. Dopotutto fanno parte del nostro percorso di crescita.
    Vale sempre la pena di continuare a sperare.

    Un racconto davvero splendido, ed ora vi saluto, ma vi lascio il “podio” di questo concorso, con i link ai racconti arrivati secondo e terzi, essì, c’è stato un parimerito! Infine, come sempre mi sento di fare un grande complimento anche tutti gli altri autori che hanno partecipato, mi sorprendono sempre con una grande creatività nel trattare il tema proposto!

    Se volete seguire il concorso che a breve verrà rinnovato ad una nuova edizione, potete farlo sul gruppo Facebook VCUC – Concorso letterario In Mille Parole, vi aspettiamo!

    PODIO IN MILLE PAROLE #14 - "SAN FAUSTINO"

    ESSERE SINGLE NON È UNA TRAGEDIA, di Alessandro Ricci

    SINGLETUDINE, di Anna Maria Scampone

    ASPETTANDO SAN FAUSTINO, di Tania Anastasi + L’IMPORTANZA DI IMPARARE A INCOLLARE VASETTI, di Erika Messina

  • Potrebbero anche interessarti

    1 Commento

  • Rispondi Alessandro Ricci 9 Marzo 2021 at 19:29

    Grazie Francy, sei sempre troppo gentile

  • Lascia un commento