Libri, Libretti, Libracci
  • A caso

    Recensione | Bet – Fabio Tacchi

    Buongiorno lettori! πŸ™‚ Eccomi qui con un’altra recensione per voi, vi parlo infatti di Bet, thriller di Fabio Tacchi che dopo un inizio un po’ ostico mi ha conquistata e sorpresa, facendomi precipitare verso un finale decisamente inaspettato quanto soddisfacente! Ma prima di dilungarmi in chiacchiere, ecco un paio di informazioni piΓΉ precise sull’autore e la trama..! ^^

    Titolo: Bet
    Autore: Fabio Tacchi
    Editore: Dunwich Edizioni
    Data di uscita: 13 Ottobre 2014
    Pagine: 115
    Rilegato: 9.90 €

    FABIO TACCHI Nato nel maggio 1984 a Foligno, lavora nel campo della grafica da alcuni anni. Interessato fin da giovane etΓ  alle arti visive in genere, coltiva con costanza le passioni per la scrittura, la fotografia, il video editing e la pittura. Da alcuni anni scrive e disegna illustrazioni per Β«ChiaroscuroΒ», un periodico della sua cittΓ . Ha partecipato ad alcuni concorsi letterari, comparendo in diverse antologie tra cui “La Serra Trema” e “Morte a 666” Giri editi da Dunwich Edizioni. Bet Γ¨ il suo primo romanzo.

    TRAMA E dire che era soltanto una scommessa. Niente di piΓΉ. Quando la proposi ai miei amici del forum mi sembrava la cosa piΓΉ semplice del mondo. Io, Bet, eccentrica impiegata londinese dall’animo cinico e introverso, avrei dovuto uccidere qualcuno. Se ci fossi riuscita avrei ricevuto mille sterline da ognuno di loro, in caso contrario avrei dovuto tirare fuori i soldi e abbandonare il sito per sempre. Ovviamente non era mia intenzione assassinare nessuno, non in quel momento. La mia idea era quella di creare un’identitΓ  fasulla – un nome, una foto, un documento, qualche traccia qua e lΓ  – e poi farla sparire. Sentivo giΓ  il sapore della vittoria, poi tutto si Γ¨ incasinato. Adam, frutto della mia innata abilitΓ  con la foto-manipolazione e della mia infinita pazienza con le trafile burocratiche, ha iniziato a esistere davvero. 

    Iniziando a leggere questo libro si capisce subito che non sarΓ  la solita lettura. La protagonista, Bet, Γ¨ la voce narrante dell’intera vicenda, in un continuo alternarsi di realtΓ  e pensieri calcolatori veniamo a conoscenza della sua particolare personalitΓ , poco incline a socializzare con le persone che la circondano.
    Un personaggio cosΓ¬ cinico e arrogante non l’avevo mai incontrato, e se all’inizio mi ha lasciata perplessa, andando avanti mi Γ¨ piaciuto sempre di piΓΉ questo suo modo di vedere il mondo, decisamente adatto alla situazione in cui veniamo trascinati.

    Avendo una personalitΓ  simile, Γ¨ quasi ovvio per lei vedere il mondo sotto una luce piΓΉ oscura, quasi come se fosse tutto intaccato da una malattia chiamata “umanitΓ ”, ma ho apprezzato alcune parti – veramente poche – in cui lei stessa si Γ¨ posta domande sul suo atteggiamento e sulla sua personalitΓ  poco comune.
    A farla sentire sicura di sΓ© stessa c’Γ¨ perΓ² un forum, in particolare un gruppo chat di cui fa parte insieme ad altre tre persone. Ogni giorno, mentre svolge il suo noioso lavoro da una scrivania, la pagina di RealKill Γ¨ aperta sul suo monitor. L’argomento di conversazione sono i crimini di cui si legge o si sente notizia, e il loro gioco preferito Γ¨ risolverli e confrontare le varie tecniche, scelte ed errori compiuti dall’omicida di turno.

    Da una di queste conversazione, parte la nuova missione di Bet: far sparire qualcuno senza essere incriminata o scoperta in alcun modo.
    L’idea della nostra perversa protagonista Γ¨ quella di creare un’identitΓ  falsa, ingannando i suoi “amici” e vincendo cosΓ¬ la scommessa, se non c’Γ¨ un corpo nessuno puΓ² davvero avere prove contro di lei.
    Ma qualcosa va storto ed ecco che finalmente arriva il colpo di scena: Adam, l’uomo che ha creato attraverso mille magheggi tra ufficio anagrafe, e motorizzazione, si trova proprio lΓ¬ di fronte a lei, con lo stesso naso storto che gli ha dato con photoshop e quegli occhi azzurri come il ghiaccio.

    Potete immaginare la reazione della protagonista e soprattutto la mia..sì, perchè scoperto questo la situazione diventa sempre più contorta, più complessa fino a non riuscire più a definire realtà e illusione, cosa è vero e cosa invece è una fantasia che ha preso forma. Una lettura che porta alla luce una marea di domande, ma che con il suo stile scorrevole non può che essere avvincente e appassionante.

    Mi Γ¨ piaciuto come l’autore ci trascina nel mondo di Bet, come la personalitΓ   della protagonista sembri pervadere ogni pagina, ogni parola, quasi come se fossimo dentro la sua testa, tra pensieri e ragionamenti, come se nessun’altro fosse capace – o degno, come direbbe Bet – di raccontare ciΓ² che Γ¨ successo. E in tutto questo, pian piano arriva anche l’emotivitΓ , la sorpresa, la sensazione che stia succedendo qualcosa di folle e incontrollabile che anche un personaggio come lei non possa gestire razionalmente.

    Il finale Γ¨ stato davvero un esplosione di dubbi e domande, ma ho adorato l’ultimo breve capitolo in cui tutto trova un suo posto e una sua conclusione, sebbene ancora mi domando chi abbia creato chi! E se in genere questo tipo di conclusione non mi soddisfa, nel caso di questo libro Γ¨ stato l’epilogo perfetto. La mia valutazione per questa lettura ricca di suspense Γ¨ un bel 4/5, un racconto breve ed intenso, ma appunto forse troppo breve per le domande a cui da spazio.

    Consiglierei questo libro…a chi Γ¨ in cerca di una lettura leggera, ma avvincente, tra colpi di scena e situazioni decisamente originali, in un racconto scorrevole e dalle sensazioni intense tanto quanto oscure.

  • Potrebbero anche interessarti

    Nessun commento

    Lascia un commento