Libri, Libretti, Libracci
  • A caso

    Recensione (Tu leggi? Io scelgo!) | Io e Marley – John Grogan

    Buongiorno Lettori! Torna anche questo mese la rubrica Tu leggi? Io scelgo!, un’iniziativa nata dalla collaborazione di diverse lit-blogger per ampliare i propri confini letterari…di cosa si tratta? Ve lo spiego subito! πŸ˜‰

    Questa iniziativa mensile consiste nel creare una catena tra i partecipanti, scegliendo una lettura tra le recensioni dal blog di un altro blogger. Sembra complesso ma non lo Γ¨ poi molto. Questo mese ho potuto scegliere tra le letture di Stefania, amministratrice del blog Libri e altri disastri, e tra i titoli che ha letto e recensito ho deciso di leggere a mia volta IO E MARLEY, romanzo dalle tenere note che ho davvero adorato. QUI trovate la recensione sul blog di Stefania, la mia potete leggerla appena sotto la scheda libro! πŸ˜‰ 

    Titolo: Io e Marley
    Autore: John Grogan
    Editore: Sperling & Kupfer
    Data di uscita: 3 Novembre 2015
    Pagine: 332
    Cartaceo: 14.00 €  |  E-book: 4.99 €
    Dove comprarlo: Amazon

    JOHN GROGAN columnist del Philadelphia Inquirer, vanta una lunga e pluripremiata esperienza giornalistica. Vive in Pennsylvania con la moglie e i tre figli.

    SINOSSI Quando John e Jenny, una giovane coppia della Florida, decidono di adottare un cane per fare pratica come genitori non si immaginano quale uragano sta per abbattersi sulla loro casa. Marley, un Labrador giallo, da adorabile cucciolo si trasforma immediatamente in un gigante maldestro che si lancia attraverso le porte a zanzariera, distrugge le pareti, sbava sugli ospiti, ingurgita qualsiasi cosa attiri la sua curiositΓ , dai gioielli ai divani, e fugge dai bar tirandosi dietro il tavolino. Insomma, Γ¨ la vergogna della scuola di addestramento e la disperazione del suo veterinario, che non sa piΓΉ quale tranquillante prescrivergli. Ma Marley ha anche un cuore puro e innocente. Come rifiuta ogni limite imposto alla sua esuberanza, cosΓ¬ la sua lealtΓ  e il suo attaccamento sono infiniti, e la sua allegria devastante ma contagiosa sa riconquistarsi ogni volta l’affetto dei padroni. Questo libro Γ¨ la sua storia, le gesta di una “persona non umana” che ha condiviso le gioie e i dolori della famiglia mentre questa cresceva, se n’Γ¨ sentito parte anche nei periodi in cui nessuno voleva piΓΉ saperne di lui e soprattutto Γ¨ stato, per tutta la sua esistenza, un distruttivo, insostituibile, commovente esempio d’amore e fedeltΓ .


    RECENSIONE

    Questo libro l’ho trovato tempo fa al mercatino dell’usato dietro casa mia, uno di quei mercatini che hanno volumi in ottime condizioni a prezzi stracciatissimi, e visto che volevo leggerlo da una vita, ho pensato di comprarlo subito. Per un po’ perΓ² Γ¨ rimasto lΓ¬ ad aspettarmi nella pila di libri da leggere, ma quando ho visto la recensione sul blog di Stefania ho deciso che sarebbe stato il libro perfetto per questo mese! πŸ™‚

    Ammetto di aver visto il film non solo quando uscΓ¬, ma anche un’altra decina di volte, tra streaming e TV, ed Γ¨ forse uno dei miei preferiti quando ho bisogno di un film commovente e divertente al contempo. Potete quindi immaginare quali aspettative avevo riguardo il libro (che in genere Γ¨ cento volte meglio del film), ma fortunatamente sono riuscita ad apprezzarlo fin dai ringraziamenti iniziali e poi dal prologo, quando poi Γ¨ iniziata la narrazione vera e propria, Grogan mi aveva ormai conquistata e Marley…Marley si Γ¨ preso proprio un pezzo del mio cuore!

    Il vero protagonista di questo libro Γ¨ esattamente lui, Grogan’s Majestic Marley of Churchill, per gli amici MARLEY. Un cucciolo e poi un cagnolone di oltre quaranta chili capace di distruggere qualsiasi oggetto (persino una gabbia in acciaio!), ma ancor di piΓΉ Γ¨ da citare la sua sensibilitΓ , per quei momenti quasi sacri che l’autore narra con maestria, raccontandoci di come il cane accolse il primo figlio e poi il secondo, come fu l’unico a riuscire a tirar su di morale Jenny, la padrona, in uno dei momenti piΓΉ difficili della sua vita e come fu capace di perdonare e di amare nonostante tutto quei due padroni che con lui non sapevano proprio come comportarsi, tra amore e punizioni.

    Parlo al passato perchΓ¨ ciΓ² in cui Grogan ci trasporta sembrano ricordi di un passato reale e tutto fin dal prologo lascia pensare che lo sia veramente. Ed Γ¨ forse questo uno degli aspetti che mi sono piaciuti di piΓΉ, perchΓ¨ a rendere speciale questa storia non Γ¨ solo quel cagnolone un po’ pazzo e pieno d’amore, ma anche e soprattutto la costante sensazione di stare ascoltando dei dolci ricordi del passato, tra momenti di ilaritΓ  e gioco, e altri davvero toccanti. CiΓ² che in effetti consiglio a chi si appresta a leggere questo libro, Γ¨ di tenere sempre a portata di mano un pacchetto di fazzoletti, soprattutto lo consiglio ai piΓΉ sensibili di voi, quelli che come me potrebbero scoppiare a piangere mentre leggono in Metro (e sΓ¬, per fortuna i fazzoletti li avevo, ma potete immaginarvi le facce dei vicini di posto!).

    Una storia che ho amato, i cui personaggi sono reali e pieni di problemi, ma la vita Γ¨ un sali scendi di emozioni e come su una montagna russa anche la vita dei Grogan racconta di momenti meravigliosamente emozionanti, oltre che toccanti, e forse sono state tutte queste emozioni a farmi passare oltre il piccolo vizio dell’autore di cadere in lunghe descrizioni riguardo la natura dei labrador, i loro comportamenti e le anomalie di cui lo stesso Marley pare essere affetto. Parti che avrei voluto saltare a piΓ¨ pari, ma che per fortuna finivano sempre con uno splendido aneddoto su Marley e sulla vita in casa Grogan, motivo per cui dopotutto le ho apprezzate, perchΓ¨ mi hanno permesso di capire meglio quel cagnolone un po’ speciale.

    Per il resto, l’autore ha saputo coinvolgermi sin dalle prime come ho detto, tenendomi incollata al libro in qualsiasi momento libero, dai tragitti sui mezzi, alla sera tardi, nonostante il sonno, con il desiderio di saperne di piΓΉ, di leggere ancora delle peripezie di quella famiglia che andava crescendo, in ogni senso della parola, perchΓ¨ dopotutto il ruolo di Marley non Γ¨ stato unicamente quello del pasticcione combinaguai.

    “Marley ci aveva fatto un dono, spontaneo e inestimabile. Ci aveva insegnato l’arte dell’amore incondizionato. Come darlo, come accettarlo. Dove c’Γ¨ quest’amore, gli altri pezzi vanno quasi sempre a posto”.

    Un libro quindi che mi ha conquistata, e che mi ha fatto quasi venir voglia di avere un cane (QUASI, caro fidanzato che stai leggendo, nessuna sorpresa canina please!!), ma soprattutto l’ho amato per la sua semplicitΓ , perchΓ¨ quella che Grogan ci racconta Γ¨ la storia di una famiglia qualunque, che grazie alla sua maestria nel narrare diventa un avvincente romanzo da leggere tutto d’un fiato.

    Consiglierei questo libro a chi Γ¨ in cerca di una storia toccante e divertente, una di quelle da leggere in un pomeriggio uggioso, lasciandosi trasportare dalle parole, tra situazioni ilari ed altre emozionanti quasi sino alle lacrime.






    Come molti di voi sapranno, questo libro ha ispirato l’omonimo film, che se non avete visto consiglio di andare subito a procurarvene una copia perchΓ¨ Γ¨ a dir poco toccante e meraviglioso, forse quasi piΓΉ del libro! Nel frattempo vi lascio il trailer




    E adesso vi saluto, ma non prima di avervi lasciato il calendario di Dicembre della rubrica in modo che possiate seguire ogni tappa e scoprire nuovi titoli che vi proponiamo questo mese! πŸ˜‰ 

  • Potrebbero anche interessarti

    26 Commento

  • Rispondi Dolci 6 Dicembre 2018 at 11:20

    Io ho sentito parlare sia del libro che del film ma ancora non ho affrontato nessuno dei due πŸ˜›

    • Rispondi Francesca Verde 22 Dicembre 2018 at 09:50

      Io li amo entrambi come avrai letto, perciΓ² non posso fare a meno che consigliarteli! πŸ˜‰

  • Rispondi CHIARA ROPOLO 6 Dicembre 2018 at 11:20

    io non ho neanche mai visto il film! Adoro i cani (Loki Γ¨ un pezzo di cuore) ma i libri con animali protagonisti di solito non mi entusiasmano. Ma ora sono curiosa per entrambi

    • Rispondi Francesca Verde 22 Dicembre 2018 at 09:52

      Ciao Chiara! Anche io non amo libri o storie in generale con animali protagonisti, ma diciamo che in questo caso Marley Γ¨ una scusa per raccontare le vicende della famiglia Grogan, e ti assicuro che anche solo vedendo il film ti innamorerai anche del cagnolone! ^^

  • Rispondi Chicca Blog Librintavola 6 Dicembre 2018 at 11:36

    Francy che recensione scritta con il cuore. Io ho un cane e mi sono emozionata molto a leggere le tue parole.

    • Rispondi Francesca Verde 22 Dicembre 2018 at 09:55

      Ciao Chicca, sono felice di leggere le tue parole, Γ¨ sempre bello ricevere commenti come il tuo! <3

  • Rispondi floriana 6 Dicembre 2018 at 16:53

    Ho visto il film molto tempo fa, ma il libro non l'ho mai letto. Bella recensione

  • Rispondi Maryella B. 7 Dicembre 2018 at 11:48

    Ho visto il film e non sapevo ci fosse il libro e dopo la tua appassionata recensione penso che lo metterΓ² in lista

    • Rispondi Francesca Verde 22 Dicembre 2018 at 09:56

      Personalmente ho amato molto entrambi, Maryella, e spero che il libro possa davvero piacerti, quando lo leggerai! ^^

  • Rispondi Rosaria Sgarlata 12 Dicembre 2018 at 20:28

    Anche questa volta passo ma solo perchΓ© ho scoperto che i libri/film in cui son presenti degli animali il piΓΉ delle volte son tristi e deprimenti. GiΓ  mi basta guardare le foto su FB per aprire i rubinetti…

    Non ho piΓΉ l'etΓ  per fare la dura!

    • Rispondi Francesca Verde 22 Dicembre 2018 at 09:58

      Ahah, ti adoro Rosy! <3
      Dai, tristi e deprimenti in alcuni punti, ma anche estremamente gioiosi ed emozionanti, perchΓ¨ da quel poco che ho capito della vita, non c'Γ¨ sentimento piΓΉ grande che quello di un animale che ti ama…Γ¨ impossibile eguagliare il loro affetto incondizionato!

  • Rispondi Mara Monica Marinucci 14 Dicembre 2018 at 11:57

    Mi fanno troppo piangere questi libri, non ce la posso fare…

    • Rispondi Francesca Verde 22 Dicembre 2018 at 09:59

      Ah, Mara come ti capisco! Come avrai letto, io ci sono cascata proprio mentre ero in metro, Γ¨ stata un po' una figuraccia, ma quando un libro Γ¨ tanto toccante non ci si puΓ² far nulla! Γ§_Γ§

  • Rispondi Ludovica ponzo 16 Dicembre 2018 at 06:47

    Ho visto il film parecchie volte,ma non sospettavo fosse tratto da un libro! Buono a sapersi! Bella recensione πŸ™‚πŸ™‚πŸ™‚

  • Rispondi Eleonora C 18 Dicembre 2018 at 08:34

    Non ho mai letto questo libro,
    ma solo perchΓ©, non prendetemi per disperata, non riesco a leggere libri dove al centro della storia ci sono animali πŸ™
    Stessa cosa vale per i film: dopo aver visto Hackicho sono rimasta talmente tanto traumatizzata (ho pianto per 2 giorni) che non riesco nemmeno a pensare di buttarmi in storie dove ci sono animali, anche se queste possano risultare "a buon fine" o comiche.

    Insomma, sono senza speranze!

    • Rispondi Francesca Verde 22 Dicembre 2018 at 10:00

      Tranquilla Eleonora, non sei l'unica! Leggendo i vostri commenti ho capito che in effetti mi sono un po' buttata in un'impresa ardua per il mio cuore di lettrice, ma fortunatamente ne sono uscita indenne e con un'ottima opinione di quest'autore! πŸ˜‰

  • Rispondi Libri E altri disastri 18 Dicembre 2018 at 17:35

    ho visto il film anni fa ed ero in una valle di lacrime. il libro non ho il coraggio di leggerlo

    • Rispondi Francesca Verde 22 Dicembre 2018 at 10:01

      Mmm…sΓ¬, forse sortirebbe lo stesso effetto, ma ti dirΓ², qualche lacrimuccia vale la pena versarla! πŸ˜‰

  • Rispondi Sonia Donelli 26 Dicembre 2018 at 13:13

    non voglio soffrire, quindi passo (mi sono rifiutata di vedere anche il film)

  • Rispondi Scheggia 27 Dicembre 2018 at 17:21

    Personalmente non leggo mai i libri con protagonisti (e narratori) gli animali, non mi piacciono, perΓ² ho visto il film, anzi direi di averlo visto davvero diverse volte e ogni volta, alla fine, Γ¨ la stessa storia: io piango (e non piango spesso). Sicuramente una storia commovente.

    • Rispondi Francesca Verde 1 Gennaio 2019 at 12:52

      In questo caso il narratore Γ¨ John Grogan, nelle vesti del padrone di Marley, perΓ² anche io cerco in genere di evitare i libri con protagonisti.

  • Rispondi Ella di Libri e librai 27 Dicembre 2018 at 17:49

    Ciao, non ho letto ancora il libro e non credo che lo leggerΓ² sono di lacrima facile, ma ho visto il film diverse volte Γ¨ per il momento mi basta XD!

    • Rispondi Francesca Verde 1 Gennaio 2019 at 12:53

      Ahah, ti capisco Ella! Anche io piango ogni volta, e sì, il libro fa lo stesso identico effetto! ç_ç

    Lascia un commento