Libri, Libretti, Libracci
  • Recensione / Review Party

    The Ones. La profezia dei prescelti, di Veronica Roth

    Buongiorno lettori! Quest’oggi torniamo ad un’autrice che negli anni passati ci ha conquistati e sorpresi perchè è uscito oggi THE ONES. LA PROFEZIA DEI PRESCELTI, di Veronica Roth. Libro che tra il fanasy e il fantascientifico si pone come un’ottima premessa per una serie che speriamo ci farà innamorare nuovamente delle idee fuori dagli schemi di quest’autrice, nel frattempo vi lascio la mia recensione di questo primo volume appena sotto il calendario del Review Party organizzato per questa novità librosa!

    Nel caso foste curiosi di saperne di più sul libro, potete infatti leggere altre recensioni nei blog indicati qui sotto! 😉

    Questo Review Party è organizzato da Tiziana del blog The Mad Otter che ringrazio, insieme alla casa editrice che ha fornito la copia del libro in anteprima per la recensione. Ma ecco la scheda libro seguita dalla mia recensione! 😉

    TITOLO The Ones. La profezia dei prescelti (The Chosen Ones #1)
    AUTORE Veronica Roth
    EDITORE Monadori
    PAGINE 396
    DATA DI USCITA 21 Luglio 2020
    CARTACEO 19.90 €  |  E-BOOK 9.99 €
    (CLICCA SULLA COPERTINA PER AVERE PIÙ DETTAGLI)

    Fin dalla sua prima comparsa, l’Oscuro non ha fatto che generare panico e caos. Entità malefica incredibilmente potente, ha provocato eventi catastrofici capaci di radere al suolo città intere e spezzare migliaia di vite innocenti. Gli unici in grado di sconfiggerlo, a quanto scritto in una profezia, potrebbero essere cinque ragazzini, Sloane, Matt, Ines, Esther e Albie, i Prescelti. Prelevati dalle loro case da un’agenzia governativa, vengono sottoposti a un training durissimo in cui viene insegnato loro l’uso della magia, indispensabile per affrontare la missione che li attende. La lotta con l’Oscuro prosegue per anni, ma alla fine ne escono vincitori. Tutto il mondo a questo punto può tornare piano piano alla normalità… tutti tranne loro, soprattutto Sloane, che più dei compagni fatica a rimettersi in sesto. I segreti che nasconde non solo la tengono agganciata al passato ma la allontanano inevitabilmente dalle sole quattro persone al mondo in grado di capirla. Subito dopo la celebrazione del decimo anniversario della gloriosa vittoria sull’Oscuro che vede ancora una volta riuniti i cinque Prescelti, accade l’impensabile: uno di loro muore. E quando i restanti quattro si riuniscono per celebrarne il funerale, fanno una tremenda scoperta: hanno commesso il grave errore di sottovalutare l’Oscuro. Il suo obiettivo finale, infatti, è sempre stato molto più grande di quanto loro, il governo e persino la profezia avessero previsto, e questa volta resistergli potrebbe costare a Sloane e ai suoi compagni molto più di ciò che hanno ancora da dare…

    RECENSIONE

    Leggere una nuova serie di Veronica Roth è sempre un terno al lotto, la si ama, la si odia, ma in generale ha sempre delle idee fuori dagli schemi. E credo sia proprio questala sua forza, perchè anche con THE ONES. LA PROFEZIA DEI PRESCELTI, primo libro della serie The Chosen Ones, ci trasporta in un universo letterario apparentemente come il nostro che in breve si riempie di incognite, tra magia e salti multidimensionali che danno vita ad una trama estremamente complessa.

    A rendere ancora più affascinante questa storia è il punto di partenza estremamente innovativo, perchè se da una parte si parla di prescelti per l’ennesima volta in un fantasy, dall’altra ci troviamo a 10 anni dalla sconfitta dell’Oscuro, il malvagio della storia, e veniamo catapultati nelle vite dei cinque prescelti che lo sconfissero, ormai giovani adulti, provati da quell’esperienza che ha cambiato per sempre le loro vite

    Ragazzi che a 14 anni hanno visto orrori inimmaginabili, hanno dovuto essere all’altezza di una situazione che gli adulti non erano in grado di affrontare, e alla fine sono stati accolti come salvatori dell’umanità, ma ad un prezzo enorme. Ed è qui che esce fuori il punto di forza di Veronica Roth, perchè non ci presenta dei personaggi freschi e ancora in forma, forti della propria vittoria, al contrario ce li racconta con crudeltà, cinismo, dal punto di vista di una di loro, ovvero Sloane Andrews.

    Sloane è quella che potremmo definire un personaggio difficile, una di quelli con cui è quasi impossibile entrare in sintonia perchè lei stessa allontana tutto e tutti, eppure è quella che più degli altri ci mostra il vero volto dell’essere dei prescelti, senza inganni o doppi volti. 

    Il suo punto di vista è quello che l’autrice utilizza per raccontarci questa storia, una narrazione in terza persona che ci lascia distaccati dai protagonisti, non incentiva il coinvolgimento, ma che ci mostra tutti i fatti nell’ordine migliore per sentire sempre più viva l’amarezza che ognuno dei prescelti prova.

    Alla narrazione di capitolo in capitolo si alternano degli articoli di giornale, estratti di interviste, documenti secretati sulle missioni e sui prescelti che man mano ci permettono di comprendere ciò che è avvenuto. Una buona idea che tuttavia rende più lenta la lettura, interrompe la narrazione e rende meno scorrevole il racconto della vicenda principale, una scelta quindi che ho apprezzato per evitare i soliti flash back, ma che si pone a tratti come un ostacolo per il lettore.

    Tuttavia la storia si rivela appassionante, tanto da arrivare alla seconda parte più adrenalinica con una grande curiosità di capire come l’autrice ci lascerà sul finale, un epilogo che in effetti fa venir voglia di avere già a portata di mano il sequel che si spera migliori in questi piccoli difetti cui ho accennato, ma che adesso attendo con ansia per vedere che ne sarà dei protagonisti e di quei mondi che la magia ha sconvolto.

    Una storia che mi ha incuriosita, appassionata anche senza un forte coinvolgimento emotivo, convincendomi che in fondo Veronica Roth ha ancora molto da raccontarci, sebbene non sia chiaro se The Chosen Ones sia una duologia, trilogia o altro.

    Ed ora vi saluto, spero di avervi incuriositi e ispirati, perchè la Roth dopo il finale sconclusionato di Carve the Mark merita decisamente una seconda occasione. Che dite, leggerete THE ONES?

    franci
  • Potrebbero anche interessarti

    Nessun commento

    Lascia un commento